Caricamento in corso...
13 agosto 2017

Premier League, Manchester United-West Ham 4-0: gol e highlights

print-icon

Esordio in casa col botto per i Red Devils di Mourinho: all'Old Trafford travolti gli Hammers di Bilic. C'era attesa per la prima in campionato di Lukaku, che sblocca al 33' e raddoppia al 53'. Rashford super, Matic incanta. Nel finale le reti di Martial e Pogba

MAN UNITED-WEST HAM 4-0
33' e 52' Lukaku, 87' Martial, 90' Pogba

Se avete negli occhi e nella mente ancora il Manchester United di un anno fa, in affanno e spesso sconclusionato in campionato, ora toglietevelo dalla testa. Almeno questo è quello che ci porta a pensare la prima giornata dei Red Devils, che all’Old Trafford hanno battuto, anzi travolto 4-0 il West Ham. Senza Ibrahimovic, ma con un Lukaku in più e un Matic favoloso, la squadra di Mourinho ha impressionato per qualità di gioco e pressione asfissiante, trovando inoltre in Rashford una freccia costantemente nel fianco degli uomini di Bilic.

Poco West Ham, United all'attacco

Dicevamo del ritmo dello United, sempre molto alto. Il West Ham comincia con il piglio giusto, ma dopo 10 minuti commette l’errore di chiudersi nella propria trequarti (4-1-4-1 nella fase di non possesso), rinunciando a ripartire e mostrando preoccupanti  lacune difensive. Lo United prende coraggio, aumenta la pressione e, dopo un paio di conclusioni di Mkhitaryan per rompere il ghiaccio, al 18’ va vicina al gol con Mata. Un buon movimento in verticale consente allo spagnolo di ritrovarsi faccia a faccia con Hart che respinge. Poco dopo sempre Mata serve un pallone che Lukaku deve, o meglio dovrebbe solo spingere oltre la linea di porta; ma tra le intenzioni e le possibilità ci si mette Ogbonna che salva in spaccata.

Quando i Red Devils rompono il ghiaccio...

Sono le inequivocabili prove generali di un gol che arriva al minuto 33: erroraccio del centrocampo degli Hammers, con Rashford che riconquista il pallone e dopo un rapido contropiede serve Lukaku: taglio perfetto e 1-0 dell’ex Everton. Concreto e aggressivo, magari poco fantasioso: questo è lo United di Mourinho che, trascinato da Matic, strappa applausi al pubblico dell'Old Trafford. Quanto al West Ham, l'unico brivido arriva poco prima del break: Fernandes fa tutto da solo e dal limite spara forte e centrale, con De Gea a respingere senza troppe ansie. Ma, conviene ripeterlo, è davvero l'unico sussulto in 45 minuti di totale isolamento per gli attaccanti di Bilic.

Secondo tempo senza storia

Nella ripresa il 2-0 è più o meno immediato. A realizzarlo ancora Lukaku: assist di Mkhitaryan e colpo di testa da centro area. Al 58' si vede addirittura il West Ham: colpo di testa anche in questo caso, ma Arnautovic scheggia solo la traversa. I cambi di Bilic (dentro Rice e Sakho) non modificano l'atteggiamento del West Ham, che subisce ancora la velocità di Rashford. Al 60' è ancora lui a creare scompiglio a sinistra fino al passaggio per Mkhitaryan che a sua volta scarica Lukaku. La conclusione stavolta viene respinta. Rashford è scatenato e al 65' sfiora il 3-0: in un fazzoletto trova lo spazio per una conclusione a giro che sbatte sul palo. In campo ci sono solo i Red Devils, che attaccano fino a trovare nel finale il 3-0 di Martial e il 4-0 di Pogba. E' un altro United, di sicuro la big che ha impressionato di più nella gara d'esordio. Per Bilic, invece, un West Ham tutto da rivedere.

I PIU' VISTI DI OGGI