Osvaldo: "In campo ero il migliore, ma cominciavo a odiare il calcio. Le liti con Mancini e Lamela..."

Calcio
osvaldo

A 30 anni ha detto basta e ha fondato una band, i Barrio Viejo. E in questa intervista alla Gazzetta dello Sport, ripercorre la sua carriera: "A Roma uno dei periodi più belli, De Rossi è un fratello. Conte il migliore. Non ero un vero professionista? No, semplicemente avevo altri interessi..."

Personaggio sui generis come pochi, come dimostra il fatto che abbia smesso di giocare a calcio a soli 30 anni. “Perché il calcio non era più il mio mondo, stavo cominciando ad odiarlo dopo averlo amato a lungo”. Coraggioso e… sincero: Daniel Pablo Osvaldo, ex attaccante – tra le altre – di Fiorentina, Roma e Juve, nonché della Nazionale. Adesso, come racconta alla Gazzetta dello Sport, nella sua vita c’è spazio solo per la sua grande passione: la musica. Con tanto di band formata con gli amici, i Barrio Viejo. Eppure, le offerte non gli mancavano: “Mi hanno cercato alcuni club europei e dalla Cina, ma ormai avevo staccato. Ai soldi preferisco l’asado e una buona birra, perché non esiste giocare solo per denaro: avrebbe significato tradire il calcio e non avrei mai potuto. Ho deciso di smettere al Boca, non ce la facevo più: per il troppo gossip non potevo più uscire di casa”.

L'esperienza di Roma e l'esclusione da Brasile 2014

L’accusa alla quale Osvaldo ha dovuto più spesso rispondere, durante la sua carriera, è stata quella di non essere un vero professionista: “Mi sono sempre allenato al top, la gente parlava solo per la mia stravaganza. Di certo non ero come Ronaldo, che dopo gli allenamenti torna a casa e fa palestra: mi bastava il talento. In campo ero il migliore, ma al 90’ per me finiva tutto. Questo però non vuol dire nulla: avevo semplicemente altri interessi, la sera uscivo e questo lo pagai”. Il prezzo, forse, fu l’esclusione dai Mondiali del 2014: “Prandelli mi escluse dopo i gol segnati nelle qualificazioni, ascoltò i giornali e la gente che non volevano l’argentino con la maglia n.10. Così convocò Cassano… ma non ho nulla contro Antonio. Qualcosa di cui mi pento? Forse a Roma avrei dovuto gestire meglio alcuni momenti, ma lì la gente è malata di calcio, se non baci la maglia ti insultano dimenticandosi dei 28 gol in due anni”.

Le liti con Mancini e Lamela, l'uomo maturo di oggi

“Il calcio non mi manca, sono sincero. Ma soltanto oggi capisco la fortuna che ho avuto nel giocare con campioni come Totti, De Rossi, Pirlo e Buffon”. Con altri colleghi, invece, non sempre è andato tutto liscio. “Con Lamela ho fatto pace, è un ragazzo d’oro. Con Icardi solo un ‘vaffa’, lui è fortissimo. Mancini? Gli tirai un cazzotto dopo uno Juve-Inter nel 2015. Gli dissi: ‘Vuoi fare a botte?’. Poi però andari nel suo ufficio piangendo per la vergogna. Ha un bel carattere, è un grande”. Infine, una carrellata: “Conte il miglior allenatore che abbia mai avuto, ti catturava con il suo modo di fare. De Rossi un fratello, un vero amico per me; Totti? Giù il cappello, ha fatto la storia del calcio mondiale e… fa ridere! È un ragazzo eccezionale. A Roma e all’Espanyol ho passato i momenti più belli della mia carriera”. Una carriera che oggi è già ricordo: “Oggi sono un uomo maturo e presente per i miei figli. Mi impazziscono quando mi vedono: se mi dicessero di voler giocare a calcio gli direi di divertirsi e di evitare le persone cattive e lo sporco che lo circonda”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche