Francia-Italia, Bonucci: "Basta parlare solo di Balotelli, è la Nazionale di tutti"

Calcio
bonucci_getty

Il capitano azzurro è soddisfatto della prova dell'Italia, ma ad una domanda su Balotelli risponde così: "Non diamogli troppe pressioni, altrimenti finiamo con lo sminuire gli altri. Mario è un valore aggiunto, ma l'importante è la squadra". Parlano anche Chiesa e Caldara: "Possiamo arrivare al livello della Francia"

FRANCIA-ITALIA 3-1, CLICCA QUI PER RIVIVERE IL MATCH

MANCINI: "TRA UN ANNO FORSE ALLA PARI DELLA FRANCIA"

Non solo Mancini, anche il capitano Leonardo Bonucci ha commentato il match dell'Allianz Riviera, finito 3-1 per la Francia, contro un'Italia però che per alcune fasi della partita ha saputo tenere testa alla squadra di Deschamps: "Dalle sconfitte va tratto quello che c'è da migliorare, anche se abbiamo tenuto bene il campo e con un pizzico di cattiveria in più potevamo fare anche meglio. La punizione? Ho detto a Balo che avrei coperto il portiere, poi c'è stata la ribattuta". Anche Bonucci è fiducioso sul futuro: "Con questi giovani possiamo soltanto crescere. La Francia? Ha 'giovani esperti' e questo fa la differenza, giocano tutti in grandi squadre con grandi obiettivi". Ad una domanda su Mario Balotelli, Bonucci risponde così: "Basta parlare soltanto di Balotelli, fa le partite che deve fare, sbaglia come sbagliano tutti, gioca come fanno tutti, ci ha messo impegno e si sacrifica per la squadra. Ma non diamogli troppe pressioni, altrimenti sminuiremo quello che fanno gli altri. Lui è un valore aggiunto - ha aggiunto Bonucci - è arrivato con la testa giusta, ha acquisito esperienza ed è maturato. Ma basta parlare solo di lui, è l'Italia di tutti quanti".

Chiesa: "Siamo destinati a crescere". Caldara: "Possiamo sapere arrivare al loro livello"

Uno dei migliori in campo è stato Federico Chiesa, che ha parlato al termine della partita: "Siamo su un'ottima strada, diventeremo una grande squadra. Vedere la Francia da vicino è comunque impressionante e ha le carte in regola per vincere i Mondiali. Sono però convinto che in futuro metteremo tutti in difficoltà, siamo destinati a crescere. Il mio ruolo? Sono completamente a disposizione dell'allenatore". All'esordio in azzurro, anche Mattia Caldara ha esternato le sue sensazioni: "Non mi aspettavo di giocare, è andata male ma siamo sulla buona strada. Vogliamo diventare squadra il prima possibile, per arrivare forti all'Europeo. Possiamo arrivare al loro livello, lo dimostreremo". Non tornerà a Torino con la squadra Alessandro Florenzi: nessun problema fisico, ma un lieto evento; sta per diventare padre per la seconda volta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche