Balotelli: "Basta razzisti, rendiamoli ridicoli. Sono portatori di un pensiero marcio"

Calcio
balotelli_lapresse

"Contro il razzismo nel calcio dobbiamo fare ancora tanta strada per liberare gli stadi da questa piaga" le parole dell'attaccante azzurro, testimonial dei Mondiali Anitrazzisti. "L'Italia, la Francia, non sono paesi razzisti, ma i razzisti ci sono. In ogni paese del mondo qualcuno che ha un pensiero marcio esiste"

LO SFOGO SOCIAL DI SUPERMARIO

BALOTELLI, IL PERSONAL COACH: "COSI' È RINATO"

"Il compito di tutti è isolare certe persone, di renderle ridicole di fronte a un modo di pensare medievale che nel 2018 non può più esistere". Sono le parole dell'attaccante della nazionale, Mario Balotelli, in un videomessaggio inviato in occasione della presentazione dei Mondiali Antirazzisti, in programma a Castelfranco Emilia dal 4 all'8 luglio.

La legge italiana è sbagliata

Balotelli è poi tornato a chiedere la revisione della legge sulla cittadinanza: "Sono italiano al 100% perchè sono nato a Palermo da genitori ghanesi, ma non tutti se ne accorgevano. Mentre la legge italiana è sbagliata. Forse per quello che ancora oggi qualcuno vede il nero come il colore dei diversi, dell'inferiore, dell'errore, in mezzo alla fotografia della squadra". 

Poi da Balotelli è arrivato un invito ad "attivarci in prima persona. Dobbiamo essere pronti a denunciare con forza ogni forma di discriminazione a cui assistiamo o di cui siamo vittime dirette. Il cambiamento è in mano alle nuove generazioni, ai nostri figli, bisogna dimostrare che siamo tutti uguali". Per concludere, l'attaccante ha scherzato: "Un abbraccio a tutti e Forza Italia! La Nazionale ovviamente". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche