"Bruciate le maglie di Messi": presidente della federcalcio palestinese squalificato un anno

Calcio
messi_arg_getty

La FIFA ha comminato un anno di squalifica a Jibril Rajoub, presidente della federazione calcistica palestinese, per aver pronunciato frasi di istigazione all’odio e alla violenza. Sarà presentato ricorso in appello

MAGIA DI MESSI: IL BARCELLONA FA 6.000 IN LIGA

LIGA A STELLE E STRISCE, PARTITE NEGLI USA

Un anno di squalifica dalle manifestazioni calcistiche: è questa la condanna che la FIFA, stando a quanto riporta l’Agence France-Presse, avrebbe comminato al presidente della federcalcio della Palestina, Jibril Rajoub. Il motivo va ricercato nelle frasi pronunciate da Rajoub pochi mesi fa, prima che si svolgesse l’amichevole tra Argentina e Israele a Gerusalemme. “Se Messi scenderà in campo contro di loro, chiederemo a tutti i palestinesi suoi ammiratori di bruciare foto e maglie e cambiare idolo” aveva detto. Alla fine, la gara non si è nemmeno giocata per questioni di sicurezza e tutte le polemiche di tipo sportivo e politico che ne sono seguite. Tuttavia, la FIFA non ha fatto passare sottotraccia le frasi di Rajoub e ha deciso di punirle in quanto istiganti all’odio e alla violenza.

La risposta palestinese

La sanzione della FIFA non è stata ben accolta dalla federazione calcistica palestinese. La stessa agenzia di stampa riferisce che è pronto un ricorso in appello. Ad ogni modo, se come pare il ricorso verrà respinto, Jibril Rajoub non potrà presenziare in veste ufficiale a nessuna manifestazione, in particolare la Coppa d’Asia in programma ad inizio 2019 negli Emirati Arabi Uniti. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche