Buffon: "Sto meglio oggi che 5 anni fa. Concorrenza a 3 in porta a Parigi? Giusto così"

Calcio
GettyImages-1023142178

Il portiere italiano sull'inizio della nuova avventura al PSG: "Ero preoccupato per l'accoglienza dei compagni di squadra, dopo 40 anni in Italia non è facile cambiare vita. Ma a me piace mettermi in gioco, affrontare nuove sfide. Sto meglio ora che a 35 anni, so che è incredibile ma è così. Areola e Trapp? Ci sono tante partite da giocare, giusto avere tre portieri"

PSG, PRIME PANCHINE PER BUFFON: AREOLA TITOLARE

RISULTATI E CLASSIFICA DELLA LIGUE 1

Non è mai tardi per mettersi in gioco e affrontare nuove esperienze, neanche a 40 anni. Lo sa bene Gigi Buffon, alla prima avventura all'estero dopo una vita vissuta in Italia tra Parma e Juventus. Il Paris Saint Germain dopo ben 18 anni in bianconero, il portiere italiano ha raccontato le sensazioni dei suoi primi mesi in Francia: "Non avevo idea di come gli altri calciatori mi avrebbero accolto, ero anche un po' preoccupato – ha raccontato a France Football – Dopo quarant'anni in Italia, non è mai facile cambiare la propria vita. A volte finiamo per costruirci una zona di comfort e, per paura o per pigrizia, ci rifiutiamo di andarcene perché la novità è sempre spaventosa. Eppure, io sono l'esatto opposto. Mi piace mettermi in gioco, sono una bestia da competizione, mi piace progredire, mi piace affrontare le difficoltà e capire cosa si deve fare per essere in grado di superarle. Come sto rispetto a quando avevo 35 anni? Sembra impossibile, ma sto meglio. Anche io a volte, quando torno a casa, mi dico che non è possibile. Eppure, dentro di me, mi sento meglio rispetto a cinque o sei anni fa. Forse perchè ho cambiato approccio al lavoro, alla mia età è tutta questione di motivazioni".

"Giocheremo tante partite, giusto avere tre portieri"

Buffon a Parigi sta lavorando con Areola e Trapp, i due portieri del PSG delle passate stagioni: "Mi trovo bene con loro, ho un ottimo rapporto – prosegue - La loro attitudine al lavoro quotidiano è esemplare e in una squadra è importante avere molto rispetto e stima l'uno per l'altro. Questo è già un buon punto di partenza. Ora il calcio è cambiato molto. Una squadra come Paris Saint-Germain gioca una sessantina di partite e spero che ne giocherà qualcuna in più rispetto alla passata stagione. Mi sembra impensabile avere un solo titolare e quindi è logico avere tre portieri importanti".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche