Arsenal Kiev, Ravanelli si dimette: "Staff senza stipendi, situazione insostenibile"

Calcio
ravanelli_getty

Confinato all'ultimo posto del campionato ucraino, l'ex allenatore dell'Ajaccio si è dimesso dal club della Capitale puntando il dito contro la proprietà: "Nessuno di noi, giocatori e staff, ha mai visto un dollaro. Ero arrivato con grande entusiasmo, è mancata un'organizzazione minima per una società professionistica". Pronto a sostituirlo in panchina Sannino

LA POLEMICA DI RAVANELLI AI TEMPI DELL'AJACCIO

È durata solo 9 partite l’avventura ucraina di Fabrizio Ravanelli, allenatore dell’Arsenal Kiev dimessosi dopo l’ultima sconfitta casalinga per 3-1 contro l’Olimpik Donetsk. Situazione complicata per il club della Capitale, ultimo con 4 punti raccolti: solo una vittoria stagionale per "Penna Bianca" a fronte di 7 sconfitte e 19 reti incassate. Già protagonista in negativo alla guida dei francesi dell’Ajaccio, l’ex attaccante di Juventus e Perugia tra le altre ha spiegato i motivi della sua decisione: "Sono venuto qui con grande entusiasmo, sfortunatamente ho dovuto confrontarmi con una realtà che stava diventando più complessa e che ha raggiunto recentemente un livello critico. Le difficoltà non sono mai state un ostacolo, al contrario, mi hanno motivato. Purtroppo i risultati non sono arrivati nonostante gli sforzi, la dedizione e la professionalità di tutto lo staff".

In particolare Ravanelli ha puntato il dito sull’assenza della proprietà e sulla carenza di organizzazione della società: "Nel periodo in cui ho allenato qui, ho incontrato il presidente Piric solo una volta. Non ha mai visitato la sede di allenamento e, ovviamente, è per questo motivo che non si rende conto delle difficili condizioni in cui lavoravamo ogni giorno. Il club non ha nemmeno un’organizzazione minima sebbene si tratti di una società professionistica. I giocatori ogni giorno venivano da me lamentandosi sul mancato pagamento degli stipendi. Nessuno di noi, calciatori e staff, ha mai visto un dollaro. Non potevo restare ancora, sono molto deluso". Va quindi in archivio la parentesi in Ucraina di Ravanelli, destinato a tornare in Italia a differenza di Giuseppe Sannino pronto a sostituirlo sulla panchina dell’Arsenal Kiev.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche