Boban: "Fischi a Koulibaly? Vergogna del calcio e dell'umanità. Gattuso? Difficile allenare questo Milan"

Calcio

Parla il vicesegretario generale della FIFA: "Fischi a Koulibaly? Dispiace sia accaduto a San Siro, ma si tratta di una minoranza che è vergogna del calcio e dell'umanità. L'arbitro avrebbe potuto fermare la partita. Come FIFA dobbiamo sbarazzarci di questo Mondiale per club e della Confederations Cup. Gattuso? Difficile allenare questo Milan, ma può arrivare in Champions. L'arrivo di CR7 ha fatto bene alla Juve e al calcio italiano"

Giovedì 3 gennaio i Globe Soccer Awards in live streaming su SkySport.it e in diretta sul mosaico interattivo di Sky Sport 24

PARATICI: "RAMSEY PIACE. VORREI LA CHAMPIONS"

INFANTINO: "VIOLENZA: DIRIGENTI ABBASINO I TONI"

Dubai centro del mondo del calcio, almeno per qualche giorno. Calciatori, dirigenti, società: tante le personalità presenti ai Globe Soccer Awards. Ci sono anche le istituzioni del calcio, tra queste Zvonimir Boban, vicesegretario generale della FIFA. L'ex campione croato ha parlato, tra le tante cose, anche del calcio italiano.

Boban, cosa pensi su quanto accaduto a San Siro durante Inter-Napoli?

"Mi dispiace tantissimo che sia accaduto in uno stadio come San Siro, la scala del calcio, con una tifoseria che ha educato il mondo del calcio. Perché anche nei derby c'è stata sempre rivalità, ma con rispetto e senza offese. È una delusione. Ma chiaramente non va accusato tutto un popolo, perché si tratta di un 99% di persone normali e dell'1% di idioti, che sono vergogna della società e dell'umanità. È difficile fermare il calcio per una minoranza, ma probabilmente in quell'occasione si poteva anche fermare la partita. Se l'arbitro l'avesse fatto, magari avrebbe fatto bene. Sulla violenza la Thatcher ci ha fatto vedere come si fa, l'ho detto cento volte, ma ora non si vuol fare. Il calcio non può fare nulla da solo, c'è bisogno dell'aiuto delle autorità, perché lo sport è sempre una cosa importante e sana per la società".

 

Come sta lavorando la FIFA?

"Pensiamo al calcio, è un po' l'assioma del nuovo presidente della FIFA. Dobbiamo fare in modo che questo sport non sia solo business, politica o inciuci. Quindi pensiamo al calcio, chiaramente non tutti possono condividere le nostre idee. Ma dobbiamo guardare globalmente, continuando in questa direzione".

 

Addio al Mondiale per club?

"Spero di sì, perché non soddisfa nessuno. Ogni persona acculturata calcisticamente lo ritiene inaccettabile, così come la Confederation Cup. È tempo di cambiare, di sbarazzarci di questi due tornei che non sono all'altezza per la FIFA. Serve un vero e proprio Mondiale per club ogni quattro anni".

 

Cosa pensi del lavoro di Gattuso?

"Rino ha grande rispetto dalla stampa e dal mondo del calcio. Chiaramente sei in difficoltà se non arrivano dei risultati, però non ho visto una critica feroce. Fare l'allenatore del Milan, soprattutto in questo Milan, è complicato. Ma bisogna aspettare, vedere cosa farà fino alla fine, perché può arrivare in Champions League".

 

Con Ronaldo la Juve è la favorita per la Champions?

"Cristiano è un valore aggiunto per la Juventus, un esempio straordinario e ha fatto bene a tutto il movimento del calcio italiano. Continua a far gol, è sempre al posto giusto nel momento giusto. La Juventus è leggermente favorita per la Champions, per la maturità e la consistenza, ma bisognerà vedere come giocherà con le big d'Europa, perché ancora non le ha incontrate".

 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche