Italia U21, Meret pronto per l'Europeo: "Giocare la finale di Udine sarebbe un sogno"

Calcio
(Lapresse)

Il portiere al ritorno in Nazionale: "Onorato di essere di nuovo qui dopo l'infortunio, è stato faticoso tornare in forma. Al Napoli si cresce più in fretta, sono pronto per l'Europeo U21. Giocare la finale a casa mia sarebbe un sogno"

DI BIAGIO: "LUIZ FELIPE? SORPRESO, MA LO RISPETTO"

L'ITALIA VERSO EURO 2020: QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

Tanti sforzi per recuperare da un brutto infortunio, ora l’occasione di tornare a giocare in Under 21. È il momento di sorridere per Alex Meret, che è riuscito finalmente a conquistarsi un posto da titolare nel Napoli di Ancelotti ed è pronto a proteggere la porta degli Azzurrini nell’Europeo di casa che comincerà a giugno: “Mi sento onorato di trovarmi di nuovo qui in Under 21 dopo l'infortunio, sono felicissimo di vestire questa maglia - ha raccontato a due giorni dall’amichevole contro l’Austria - Non è stato un periodo facile, ma ora sto bene. Sto trovando la giusta continuità nel Napoli e questo mi ha aiutato a tornare in forma. Adesso voglio dare il mio contributo anche a questa squadra”. Meret, Audero e Scuffet per un posto: “Ho un bellissimo rapporto sia con Audero che con Scuffet, li conosco dalle nazionali giovanili e non c'è mai stata rivalità tra noi. Anzi c'è stima e amicizia. Giocherà ovviamente solo uno di noi, ma questo lo deciderà l’allenatore”. Anche se uno sponsor d'eccezione come Gigi Buffon ha già fatto capire su chi punterebbe: "Le parole di elogio nei miei confronti di Buffon sono state una grande soddisfazione, un onore, mi hanno fatto piacere e lo ringrazio. Sono uno stimolo per cercare di emularlo. Del resto da ragazzino ero innamorato di Buffon e a lui devo il fatto di aver cominciato proprio come portiere. Poi seguo Handanovic, ma cerco di prendere il meglio da tutti".

"Anno speciale a metà. Europeo U21? Vogliamo arrivare in fondo"

Anno speciale per il portiere classe 1997, che però è rammaricato per essere stato costretto a saltare parte della stagione per infortunio: “È stato speciale a metà - ha ammesso - Ho saltato tutta la prima parte di stagione e non è stato un periodo facile. Ma ora sono felice di avere ritrovato anche la Nazionale”. Sull’impatto con il mondo Napoli: “Mi sono trovato subito bene con il gruppo, giocare con una squadra di alto livello aiuta a maturare prima e a crescere. La scuola italiana dei portieri è da sempre di altissimo livello, io lavoro per migliorarmi e poi vedremo”. Il futuro, intanto, si chiama Europeo e le intenzioni sono le migliori per la squadra di Di Biagio, che in casa non vuole sfigurare: “Manca pochissimo, ci aspettiamo un grande evento. Sappiamo che dobbiamo dare tutto perché saremo di fronte ai nostri tifosi e avremo quindi una spinta in più che spero ci aiuterà. Giocare davanti ai nostri tifosi sarà sicuramente un vantaggio, ma importante sarà anche non sottovalutare nessuno. L’obiettivo? È di arrivare il più lontano possibile - ha aggiunto Meret - ci stiamo preparando bene per arrivare pronti a giugno. Oltretutto la finale sarà a Udine (sua città natale, ndr) e per me sarebbe un sogno poterla giocare, visto che lì sono nato e cresciuto calcisticamente”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche