Belgio, Hazard: "La storia dell’hamburger mi ha reso una leggenda"

Calcio

Il fantasista del Chelsea ha raccontato un episodio accaduto otto anni fa, quando durante una partita dopo esser stato sostituito andò a mangiare un hamburger con la sua famiglia, procurandosi anche due giornate di sospensione dal c.t. Leekens

ITALIA-FINLANDIA, LE PROBABILI FORMAZIONI

QUAL. EUROPEI 2020, I RISULTATI DEL PRIMO TURNO

A Eden Hazard il talento non manca, ma a sua detta ciò che lo ha fatto diventare una leggenda nella nazionale belga non è quanto è riuscito a fare in campo. Nel 2011, in una partita contro la Turchia, il giocatore fu sostituito all'ora di gioco e decise di lasciare lo stadio subito dopo per andare a mangiare un hamburger con i membri della sua famiglia. Il commissario tecnico di allora, Georges Leekens, lo multò facendogli saltare le successive due partite del Belgio contro Slovenia e Azerbaigian. Hazard è tornato su quell'episodio, in un'intervista a RTBF: "La salsa di quell'hamburger era la mia preferita, continuo a chiedere a mia mamma di portarmi ogni tanto a Londra. Ho fatto una sciocchezza, di cui ridiamo ancora: penso che questo mi abbia reso una leggenda della nazionale".

Prospettive nazionali

Sul futuro con il Belgio, invece, il fantasista del Chelsea si è espresso così. "Non ho fissato un obiettivo, giocherò finché il mio corpo lo permetterà, ma dipenderà anche dalla prossima generazione. Se vedo un giovane che è più bravo di me nel mio ruolo, me ne andrò. Quando arrivai io, un altro dovette andarsene. Per quanto sia ancora giovane, il mio record di presenze lo batterà Courtois: al massimo cercherò di continuare finché ci sarà lui" ha concluso ridendo Hazard.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.