Colombia, Higuita perde la scommessa sulla Copa America: capelli tagliati e nuovo look

Calcio

L'aveva promesso alla vigilia della Copa America: "Se la Colombia non vince, mi taglio i capelli". Cafeteros eliminati ai quarti dal Cile e parola mantenuta dal leggendario portiere in diretta social: via la foltissima chioma che l'ha reso celebre in tutto il mondo, spazio ad un nuovo taglio che lo rende irriconoscibile

LA SCOMMESSA DI HIGUITA SULLA COLOMBIA

COLOMBIA, TESILLO SHOCK: "MI VOGLIONO MORTO"

LE NEWS DI SKY SPORT ANCHE SU WHATSAPP

Poca fortuna per la Colombia in Copa America, edizione disputata in Brasile e archiviata ai quarti di finale per mano del Cile. Sconfitta 5-4 ai rigori contro la Roja, decisivo l’errore di Tesillo per gli uomini di Queiroz estromessi dalla competizione dopo un girone archiviato a punteggio pieno. Ci credevano i tifosi colombiani e naturalmente René Higuita, leggenda nazionale ed ex portiere tanto istrionico quanto spettacolare: come dimenticare le cavalcate palla al piede oppure il celebre "Colpo dello scorpione" esibito in amichevole contro l’Inghilterra nel 1995. Attualmente preparatore dei portieri dell’Atletico Nacional, club nel quale ha trascorso 9 anni della carriera, Higuita è ricordato anche per la folta chioma riccioluta che regalò un’icona degli anni Novanta al pari di un altro calciatore memorabile come il connazionale Valderrama. Ebbene, dallo scorso weekend il taglio del Loco è drasticamente cambiato.

Higuita perde la scommessa: nuovo look senza chioma

"Se la Colombia non vince la Copa, mi taglio i capelli", aveva promesso Higuita alla vigilia della Copa America in Brasile. E, come detto, i Cafeteros sono usciti di scena ai quarti obbligando la leggenda colombiana a dare letteralmente un taglio: via la foltissima chioma in diretta social, trasmissione che ha superato i 16mila spettatori e regalato un nuovo taglio decisamente più tradizionale all'irriconoscibile René. Parola mantenuta e altra promessa consegnata ai suoi fan: "Non preoccupatevi, la prossima missione è farmeli crescere di nuovo".

I più letti di calcio