Italia, Mancini: "Kean e Zaniolo out? Devono imparare a comportarsi bene"

Calcio

Si è radunata la Nazionale in vista degli impegni di qualificazione ad Euro 2020 contro Armenia e Finlandia. In conferenza, il Ct Mancini ha parlato dell'esclusione di Kean e Zaniolo, ma anche di Serie A, degli infortunati e dei fischi a Lukaku. Poi un bel messaggio a Sinisa Mihajlovic

ARMENIA-ITALIA LIVE

DAL 20 SETTEMBRE DAZN1 SUL CANALE 209 DI SKY

La Nazionale di Roberto Mancini si è radunata oggi a Bologna, per iniziare a preparare i match di qualificazione ad Euro 2020 contro Armenia e Finlandia. Il Ct azzurro ha parlato in conferenza stampa per introdurre le partite, rispondendo a numerose domandea anche sulla nuova Serie A, sui singoli e sulle diverse assenze: alcune obbligate, visti gli infortuni, altre "punitive" come nel caso di Kean e Zaniolo: "A me non piace lasciare a casa per punire, però sono giovani e spero che serva loro per il futuro. Se meriteranno li chiameremo - ha spiegato Mancini - ma devono imparare a comportarsi per bene. Un professionista deve essere sempre esemplare. Zaniolo poteva servirmi visti gli infortuni? Se vinciamo o perdiamo non è perché manca Zaniolo, non bastano 5 partite per essere un campione. Bisogna che lavori tanto e capisca che quello che ha avuto gli è arrivato all'improvviso. Non è successo nulla di grave, ma visto che non è la prima volta è bene che impari. In Nazionale - ha aggiunto il Ct - ci vogliono qualità tecniche e di comportamento. Hanno fatto delle cavolate, sono giovani e impareranno. Se la prossima volta se lo meriteranno, li chiamerò. Stavolta era giusto non chiamarli".

"In Serie A squadre propositive, fa bene al movimento"

Ma c'è anche chi non ha potuto rispondere alla convocazione per via di gravi infortuni: "Mi dispiace per Chiellini, Piccini e Pavoletti che hanno avuto infortuni più gravi degli altri, spero di ritrovarli più avanti. Tanti cambi tra le due partite? Qualcosa cambierò, ma a differenza dell'anno scorso la squadra è molto più delineata". Mancini commenta poi le prime due giornate di Serie A, caratterizzate da tanti gol: "Io che guardo le partite mi diverto, magari non è così per chi li subisce. Entro qualche settimana le difese si registreranno, ma finora abbiamo visto partite belle e combattute come in Inghilterra. Molte squadre stanno cercando di attaccare di più, rischiando anche di prendere più gol. Il fatto che siano propositive può migliorare il calcio italiano".

I fischi e i cori razzisti a Lukaku

Il Ct della Nazionale è stato interpellato anche sull'ultimo episodio di razzismo, accaduto domenica sera a Cagliari durante la partita contro l'Inter, quando alcuni sostenitori di casa hanno preso di mira Lukaku al momento del rigore del 2-1. "Purtroppo c'è sempre qualcuno che sbaglia, la speranza è che queste cose finiscano. Accade anche in Inghilterra: persone poco intelligenti purtroppo ci sono. Siamo nel 2019 - ha aggiunto Mancini - ormai quei tempi dovrebbero essere passati. La maggior parte delle persone capisce e sta cercando di fare il suo meglio per migliorare questa situazione e questo e' importante. Quelli che sbagliano oggi, forse diminuiranno con il tempo, ma ci saranno sempre"

Il pensiero per Sinisa Mihajlovic

Mancini ha dedicato un pensiero anche al collega e amico Mihajlovic: "Ho sentito Sinisa, lo sento spesso ultimamente. Non l'ho visto, è a Roma dalla famiglia. Ho visto il viso, sta già molto meglio mi sembra che tutto vada per il verso giusto. Questo rende felice chi gli vuole bene", ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche