Alisson: "Io candidato al Pallone d'Oro? Per un portiere è dura, non facciamo gol"

Calcio

Il portiere del Liverpool e del Brasile, colonna delle squadre che hanno vinto Champions League e Coppa America, parla della candidatura al Pallone d'Oro: "Sarebbe un sogno, ma per chi evita gol è più difficile vincerlo che per chi li segna. La parata più bella dell'anno? Su Milik"

PALLONE D'ORO LIVE

Miglior portiere dell'ultima Champions League e della Coppa America 2019, trofei vinti con Liverpool e Brasile, davanti a tutti i colleghi per rendimento anche nella scorsa edizione della Premier League con la conquista del Golden Glove. L'annata di Alisson Becker è da primo della classe, ma il portiere dei Reds, un passato importante in Serie A con la maglia della Roma, non nasconde di avere un sogno nel cassetto. Lo ha rivelato a Marca, parlando del Pallone d'Oro.

Pallone d'Oro, Alisson: "Vincerlo per un portiere è più complicato"

Il 27enne brasiliano ha spiegato di avere ancora "diversi obiettivi a cui ambire con Liverpool e Nazionale", senza dimenticare "gli obiettivi individuali". Tra questi, il Pallone d'Oro. Sogno legittimo per chi ha vinto da protagonista la competizione per club più importante d'Europa e oggi è nell'elenco dei candidati al prestigioso riconoscimento insieme al compagno di squadra Virgil van Dijk. "Ho letto alcune voci sul tema – spiega – e ne sono orgoglioso. So che non è semplice vincerlo e per un portiere è ancora più complicato. Ma ho la coscienza a posto, significa che sto lavorando bene e che la gente se ne accorge. Vincere il Pallone d'Oro sarebbe un onore, so che un portiere non lo vince da 56 anni (Lev Jascin fu il primo e ultimo nel 1963, ndr)". Difende il suo ruolo, Alisson, spiegando anche come è cambiato negli ultimi anni: "Il portiere partecipa sempre più alle partite. Deve essere bravo con le mani, ovviamente, e anche saper giocare con i piedi perché è una parte fondamentale per l'inizio del gioco. Inoltre, il portiere ha una visione privilegiata dell'intero campo ed è importante guidare i compagni di squadra. La differenza è che il portiere non segna gol. Li evita". E giù un sorriso. Lo stesso che lo ha accompagnato quando ha sollevato trofei, scena spesso vista nel 2019: "Si è trattato di una stagione speciale – ammette - la Champions League è il trofeo più importante in Europa e il Liverpool non lo vinceva da molto tempo. La Copa America è un titolo speciale perché è stata la mia prima vittoria con la nazionale brasiliana".

"La parata più bella? Su Milik in Champions"

Per il brasiliano che ha come idolo l'ex Parma e Reggiana Claudio Taffarel ("Aveva un grandissimo senso della posizione") il traguardo del Pallone d'Oro non sembra distante. A contribuire all'avvicinamento ci sono anche i 21 clean sheets collezionati nelle 38 partite della Premier League 2018/2019,quando i suoi interventi tra i pali erano risultati fondamentali per la squadra di Jurgen Klopp, che aveva anche sfiorato il titolo. "Sono giovane e ho molti obiettivi da conquistare" spiega, ricordando anche la parata più importante della scorsa annata: "Non è facile sceglierla, ma dico quella su Milik ad Anfiled Road negli ultimi minuti dell'ultima giornata della fase a gironi di Champions League". Determinante per conservare l'1-0 e spingere i Reds agli ottavi di una competizione che sei mesi dopo Salah e soci avrebbero vinto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche