Vieri a Di Biagio su Instagram: "Che fuga dal ritiro dell'Inter". VIDEO

Calcio

I due ex compagni di squadra in nerazzurro si sono ritrovati in diretta su Instagram, con una serie di aneddoti curiosi: "In ritiro faceva troppo caldo e andammo a dormire a casa. Al ritorno Cuper disse di non preoccuparci che ci avrebbe pensato lui, dopo due minuti lo sapevano tutti..."

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Christian Vieri e Luigi Di Biagio, compagni di squadra nell'Inter dal 1999 al 2003, si sono ritrovati in diretta su Instagram. Una ventina di minuti di chiacchierata, tra aneddoti simpatici e ricordi curiosi del loro passato in nerazzurro. In particolare sono ritornati su un episodio della stagione 2002-2003, una fuga notturna da Appiano Gentile alla vigilia di Inter-Modena (VEDI IL VIDEO). Secondo la versione di Di Biagio, sembra chiaro chi sia il colpevole: "Bobo, per quattro anni tutti i sabato sera mi dicevi di andare via perché faceva troppo caldo in ritiro. Io ti tenevo sempre calmo. Una volta invece avevo caldo io, sono venuto da te e mi hai detto 'andiamo a dormire a casa nostra'. Non sai la faccia quando sono arrivato a casa mia in pigiama...". Vieri: "E tutti che pensavano che eravamo andati in discoteca tutta la notte. Cavolate...". Ancora Di Biagio: "Ma la cosa bella è quando siamo tornati. Cuper fa 'ragazzi, devo mandarvi a casa, diciamo a tutti che avevate la febbre. Tranquilli che non esce nulla'. Due minuti dopo titolo al tg: Vieri e Di Biagio scappati dal ritiro!!! Per fortuna quella notte sono andato a dormire a casa, se no chi glielo spiegava a mia moglie?".

"Taribo West? Quando disse a Lippi di farlo giocare perchè glielo aveva detto Dio..."

"Ne abbiamo avuti compagni di squadra strani eh?". Comincia così la parentesi dedicata a Taribo West, compagno di Vieri e Di Biagio all'Inter nella prima parte della stagione 1999-00. Alla guida dei nerazzurri è appena arrivato Marcello Lippi, protagonista di un curioso episodio con il difensore nigeriano: "Un giorno disse al mister che doveva giocare perchè glielo aveva detto Dio, Lippi rispose che invece a lui non aveva detto niente. Un'altra volta si è presentato all'allenamento con un borsone che pesava 100 chili, dentro c'erano tutti i libri per fare la messa". Il racconto prosegue con le sfide europee di quell'Inter contro il Valencia. Gare complicate, con i nerazzurri usciti però sempre vittoriosi. Di Biagio ricorda bene soprattutto un episodio: "Era la Champions del 2003, con Toldo ci siamo messi le mani addosso in mezzo al campo, mi hanno pure portato il Tapiro per quella scena. E l'anno prima in Coppa Uefa con Farinos in porta nel finale? Sembrava Italia-Olanda di Euro 2000, non abbiamo mai toccato la palla ma abbiamo vinto".

"Petagna è come te, però si sta allenando bene"

La diretta Instagram è l'occasione anche per parlare un po' della Spal, di cui Di Biagio ha preso la guida nelle ultime 3 partite prima dello stop, con una vittoria e due sconfitte. L'allenatore biancoazzurro ha fatto il punto sugli allenamenti casalinghi della squadra: "I ragazzi si allenano, li seguiamo ma non è facile. Vediamo cosa succede, il 4 maggio dovremmo ricominciare, peccato fermarsi perchè avevamo appena vinto contro il Parma. Petagna? Mi ricorda te (riferendosi a Vieri), però segna. Deve continuare a lavorare anche in queste settimane, ma lo sta facendo bene".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.