Willy Monteiro, a Paliano murale con la maglia della Roma firmato da HarryGrab

Calcio

Lo street artist ha realizzato un omaggio per il ragazzo di 21 anni massacrato di botte nella notte tra il 5 e il 6 settembre, ritratto con la maglia della sua squadra del cuore, la Roma. "Ribelliamoci alle ingiustizie, proprio come ha fatto Willy", le sue parole

Il dolore per la perdita di Willy Monteiro, il ragazzo di 21 anni di origini capoverdiane massacrato di botte fino alla morte nella notte tra il 5 e il 6 settembre scorso, non si esaurirà tanto facilmente nella piccola comunità di Paliano, il paese nel quale viveva coi suoi familiari. Così come l’indignazione del resto d’Italia, che ha assistito sgomenta e partecipato commossa, seppur da lontano, a una vicenda aberrante che deve lasciare il segno e far riflettere su un modo sempre più assurdo, quello basato sulla violenza e sulla prevaricazione, di condurre l’esistenza umana. E un segno ben tangibile per ricordare Willy e fare vivere per sempre il suo esempio l’ha voluto lasciare, al pari di tanti suoi colleghi grafici e artisti, anche lo street artist HarryGreb, che a Paliano ha dedicato un murale alla memoria del 21enne tifosissimo della Roma e ritratto, non a caso, con la nuova maglia della sua squadra del cuore. Quella che da sempre sognava di indossare e dalla quale ora non si separerà più.

HarryGreb: "Willy esempio, non si è tirato indietro di fronte all'ingiustizia"

approfondimento

Ultimo saluto a Willy, presente anche Bruno Conti

"Giovedì scorso ho realizzato l'artwork”, spiega l’artista dopo aver postato sul proprio profilo Instagram l’opera che la stessa Roma ha poi rilanciato sul proprio account Twitter ufficiale. “L'ho fatto per rendere omaggio a Willy, perché come ha fatto lui non ci si può girare dall’altra parte di fronte a un'ingiustizia, bisogna prendere posizione. Così l’ho immaginato dentro quella maglia che amava. Venerdì pomeriggio sono andato da solo a Paliano e ho chiesto se potevo mettere il disegno. Sono stato messo in contatto con gli amici più stretti e insieme a loro lo abbiamo attaccato. Poi ci siamo salutati senza dirci molto. Eravamo tutti molto emozionati".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche