Bellugi dopo l'amputazione delle gambe: "Moratti vuole sostenere le spese mediche"

CORONAVIRUS
mauro_bellugi

L'ex difensore dell'Inter, che ha causa di alcune complicanze legate al Covid-19 ha subìto l'amputazione delle gambe, ha parlato della volontà di Massimo Moratti di sostenere le spese mediche: "È vero, per lui sono uno di famiglia"

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN DIRETTA

Massimo Moratti pagherà le spese mediche di Mauro Bellugi, che a causa di alcune complicanze sopraggiunte in seguito al ricovero per positività al Covid-19 ha subìto l'amputazione di entrambe le gambe. A confermarlo è stato lo stesso ex difensore dell'Inter, che è intervenuto durante la trasmissione 'Tiki Taka' per parlare del momento complicato che sta affrontando. "È tutto vero - ha detto Bellugi -, Moratti vuole sostenere tutte le spese mediche perché mi ritiene uno di famiglia. Conosco la moglie e il figlio, inoltre quando giocavo in nerazzurro il presidente era suo papà Angelo. Ricordo che dopo avermi fatto firmare il contratto mi regalò anche una villa a Stintino". Bellugi ha poi ricordato i momenti prima dell'amputazione: "Con me il Covid si è accanito in maniera esagerata perché si è unito ad una malattia del sangue che avevo in precedenza. Improvvisamente mi sono trovato le gambe nere e l'unica soluzione era amputarle, anche perché non ci penso nemmeno a morire. Ho una moglie, una figlia e tanti amici: ringrazio tutti quelli che mi hanno chiamato o che mi hanno mandato un messaggio".

Il paragone con Zanardi e il monito ai negazionisti

CORONAVIRUS

Bellugi choc, gambe amputate dopo ricovero Covid

Bellugi ha poi parlato di un altro sportivo senza gambe, Alex Zanardi: "Posso essere d'accordo sul fatto che abbiamo avuto sfortuna - ha aggiunto l'ex giocatore di Bologna, Napoli e Pistoiese, oltre che della Nazionale italiana -, ma tra noi non ci sono paragoni. Sul fatto di essere un eroe, lui è un'altra cosa: ha passato cose pazzesche e nonostante ciò è riuscito a diventare un fenomeno. Non so come abbia fatto, ma al momento Zanardi mi batte 3-0". In chiusura un monito ai negazionisti: "Io sono in camera con un ragazzo che per quaranta giorni è stato intubato - ha concluso -, un'altra persona qualche tempo fa ha salutato la moglie e la madre perché stava morendo. Solo a ripensarci mi viene da piangere. Io ho visto queste cose e non riesco a capacitarmi del fatto che ancora qualcuno dica che è tutto uno scherzo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche