Ceferin a Sky: "Superlega progetto finito. Conference? In finale due squadre da Champions"

esclusiva

Una lunga intervista esclusiva al presidente della UEFA che tocca i principali temi del presente e del futuro del calcio. A partire dalla Superlega: “Quel progetto è stato tutto tranne che super. Ed è finito. Sono sicuro che lo dirà anche la Corte di Giustizia”. E poi la soddisfazione per la Conference League: "In finale sono arrivate due squadre che possono giocare facilmente in Champions". L'intervista integrale in onda mercoledi 25 maggio su Sky Sport Football alle 10.15, 15.45, 19.30 e 24. Disponibile on demand 

Un'intervista esclusiva ad Aleksander Ceferin, numero uno del calcio europeo sui temi d'attualità del calcio: dal movimento femminile al progetto Superlega, dalla Conference alla candidatura dell'Italia all'Europeo 2032. Ecco due estratti che anticipano la lunga chiaccherata del presidente della UEFA realizzata da Francesco Cosatti in onda mercoledì 25 maggio alle 10.15, 15.45, 19.30 ed a mezzanotte su Sky Sport Football, disponibile anche on demand. 

ceferin

Superlega progetto finito, lo dirà anche la Corte di Giustizia

leggi anche

Ceferin: "Champions donne a Torino? Stadio pagato"

Quando arriverà la decisione della corte di Giustizia in merito alla richiesta della Superlega? Siete ottimisti sul risultato? In caso di risultato a voi favorevole, ci saranno le sanzioni per i tre club? "Prima di tutto, quel progetto è stato tutto tranne che “super”, ed è finito. E’ finito. Loro possono fare tutto quello che vogliono. Adesso è un affare loro. Sono sicuro - spiega il numero uno della UEFA- che sia sotto l’aspetto legale sia sotto quello morale, abbiamo ragione noi. Sono sicuro che vinceremo alla Corte di Giustizia. Loro utilizzano come tema chiave il fatto che l’Uefa ha il monopolio. E noi abbiamo risposto loro che la Uefa il monopolio non lo ha.  Se vogliono, possono giocare in una loro competizione. E’ strano però che vogliano un loro torneo, ma contemporaneamente vogliano giocare nel nostro, di torneo. Ad ogni modo, per me questo è un argomento chiuso. Magari qualcuno vuole insistere, ma c’è anche qualcuno che continua a insistere sul fatto che la terra sia piatta…e quindi…"

Conference torneo difficile. Con Mou rapporto molto buono

“Sono super super soddisfatto della Conference League. All’inizio c'erano tanti cosiddetti esperti di calcio che dicevano che sarebbe stata una competizione non importante. Adesso- spiega Ceferin a Sky Sport- in finale sono arrivate due squadre che possono giocare facilmente in Champions League. La Conference è un torneo molto difficile. Non vedo l’ora di godermi la finale, anche se qualcuno dice che lo stadio che la ospiterà è troppo piccolo. Ma meglio che ci siano stadi piccoli, ma pieni di tifosi realmente interessati piuttosto che avere grandi stadi vuoti. Per questo sono molto contento di questa competizione e ritengo che sia stata una buona idea partire con questa nuova coppa”. Nel giugno 2017 une delle sue prime premiazioni la finale di Europa League a Stoccolma in cui mise al collo di Mourinho, la medaglia. A Tirana avrà un’altra occasione. "Mourinho è una figura interessante. Abbiamo un rapporto molto buono. E ricordo bene quando in quell’occasione gli ho indicato il trofeo, lui mi mostrò la mano con tre dita. E ha continuato a mostrarmela mentre mi veniva incontro. Allora gli ho chiesto cosa intendesse con quel gesto. E lui: “ Ho ricevuto un trofeo Uefa da tre diversi presidenti: Johansson, Platini e Ceferin. Sono l’unico”. Lui è una bella persona, sono sicuro che stia guardando avanti, concentrato sulla finale e metterà tutta la sua energia per provare a essere il primo allenatore a vincere la Conference League. Perché ad ogni modo sarà una finale storica per entrambe le squadre. Perché il club che vincerà sarà il primo della storia a vincere questo trofeo".

CEFERIN