Borussia-Bayern 1-3, bavaresi primi a +6 dal Dortmund. Gol e highlights

Bundesliga

Robben sblocca al 16' con un tiro a giro perfetto all'incrocio dei pali. L'ex Lewandowski raddoppia di tacco per gli ospiti su assist del solito Robben. Al 67' Alaba fa tris. Bartra di testa a pochi minuti dal termine. La squadra di Heynckes sempre più prima in classifica. Il Borussia rimane a 20 punti e viene scavalcato dal Lipsia al secondo posto

IL TABELLINO DI BORUSSIA DORTMUND-BAYERN MONACO

RISULTATI E CLASSIFICA DELLA BUNDESLIGA

BORUSSIA DORTMUND-BAYERN MONACO 1-3

16' Robben (BA), 37' Lewandowski (BA), 67' Alaba (BA), 88' Bartra (BD) 

Borussia Dortmund (4-3-3): Bürki; Bartra, Sokratis (42' Toljan), Toprak, Schmelzer; Castro, Weigl, Kagawa (68' Gotze); Yarmolenko (80' Sancho), Aubameyang, Pulisic. All. Bosz

Bayern Monaco (4-5-1): Ulreich; Kimmich, Sule, Hummels, Alaba (74' Rafinha); Martínez (81' Rudy), Thiago Alántara, Robben, James Rodríguez (84' Vidal), Coman; Lewandowski. All. Heynckes

Ammoniti: 10' Schmelzer (BO), 59' Toprak (BO), 65' Alaba (BA), 75' Martinez (BA), 88' Bartra (BO) 

Il novantasettesimo “Der Klassiker” prometteva spettacolo e spettacolo è stato, soprattutto da parte del Bayern Monaco. L’avvio di partita è piuttosto “lento” e nei primi 10’ da segnalare c’è soltanto una gomitata di Schmelzer su Kimmich, per la quale l’esterno del BVB viene ammonito; ma le squadre stanno semplicemente scaldando i motori. La prima occasione capita ad Aubameyang, che al 10’ si presenta solo davanti a Ulreich ma viene rimontato appena prima di calciare da uno strepitoso intervento di Süle. Un errore che il Borussia paga caro, perché dopo 6’ la sblocca il Bayern: e chi, se non lui: Arjen Robben. E come, se non con un tiro a giro di sinistro che va a spegnersi all’incrocio dei pali. La sponda di James Rodriguez arriva al termine di una bella azione corale e manovrata e dalla sua mattonella Robben non sbaglia mai: con questo sono undici le reti realizzate dall’olandese contro il Borussia Dortmund. È il gol che dà il via ad una fase della partita in cui la squadra di Heynckes appare in controllo e il BVB invece soffre, ma riesce comunque a creare occasioni in ripartenza soprattutto con uno scatenato Pulisic, che a sinistra semina il panico: al 23’ il suo cross è intercettato da Ulreich, al 29’ il suo assist viene vanificato da Iarmolenko che spara addosso al portiere, al 31’ è Kagawa a non sfruttare l’imbeccata del baby statunitense ma di origini croate, classe ’98: il suo tiro esce di un soffio dopo aver scheggiato il palo. Tutte fiammate che però offrono il fianco a Coman e compagni: Lewandowski flirta con il 2-0 in due occasioni: prima incespica in campo aperto, poi gli si oppone Bürki. Ma è solo questione di tempo: al 37’ il gol arriva e non è un gol banale. Ancora un’azione corale del Bayern, cross dalla destra di Kimmich e Lewandowski segna di tacco (anche grazie a una deviazione). È un colpo durissimo per il BVB, che deve fare i conti anche con l’infortunio di Papastathopoulos sostituito da Toljan.

Nel secondo tempo i ritmi si abbassano: è sempre il solito Pulisic che cerca di accendere la luce per i suoi, ma predica nel deserto: Iarmolenko non è proprio in serata. Il dominio territoriale è del Bayern, che va vicino più volte al 3-o sempre con Lewandowski: al 49’ Robben pennella (di destro!) sulla testa del polacco, ma la risposta di piede di Bürki è strepitosa; un quarto d’ora dopo invece l’errore è tutto suo: lo scavetto non riesce e il BVB si salva… ma per poco. Al 68’ infatti il gol arriva: Alaba scodella in area, il tocco di Wunder Robert in spaccata (se c’è) è davvero impercettibile e infatti il gol viene assegnato al terzino. A 20’ dalla fine è già game, set and match. Entra anche Götze, ma la reazione del BVB è soltanto in una fiammata di Aubameyang, che sfrutta un’imbucata ma tira addosso a Ulreich: continua il digiuno del gabonese, che non segna da cinque partite. Il gol dell’orgoglio Borussia arriva a un minuto dalla fine, con Marc Bartra che segna dalla “sua” posizione, con un destro a giro dal lato sinistro, ma è troppo tardi. L’unica nota negativa per Heinckes sono i problemi fisici per Alaba e Javi Martinez, entrambi sostituiti. Non gli unici infortuni, in verità: a 10’ anche l’arbitro Stieler aveva accusato un problemino fisico. Il quarto ufficiale di gara, niente meno che Bibiana Steinhaus, stava già fiutando l’esordio nel klassiker. Falso allarme, però: il fischio finale arriva dall’arbitro Stieler. Niente aggancio in vetta per il Borussia, ma allungo Bayern: le gerarchie in Bundesliga non vengono stravolte.

LIPSIA-HANNOVER 2-1 

56' Jonathas (H), 70' Poulsen (L), 85' Werner (L)

Serviva una vittoria al Lipsia per smaltire la delusione della partita di Champions persa a Porto e così è stato con l'Hannover. I padroni di casa si impongono per 2-1, arrivano a quota 22 e si prendono il secondo posto in classifica scavalcando il Borussia Dortmund di Bosz. La squadra di Hansehuttl va prima sotto al 56' quando Jonathas su assist di Korb si trova davanti a Gulacsi portando l'Hannover sull'1-0. Poi raggiunge il pari al 70' quando Poulsen deve solo appoggiare in rete su assist di Werner. Werner che, infine, porta il risultato sul definitivo 2-1 a 5 minuti dalla fine mettendo in porta l'assist di Forsberg dopo un calcio d'angolo. Lipsia che sogna mentre l'Hannover rimane al 5° posto in classifica, agganciato dall'Eintracht vittorioso venerdì sera sul Werder Brema.

FRIBURGO-SCHALKE 0-1

62' Caligiuri

MONCHENGLADBACH-MAINZ 1-1

19' Diallo (MA), 67' Vestergaard (MO)

AMBURGO-STOCCARDA 3-1

20' Hunt (A), 55' Ginczek (S), 65' Kostic (A), 69' Arp (A)

AUSBURG-LEVERKUSEN 1-1

47' Volland (L), 49' Danso (A)

EINTRACHT-WERDER 2-1 (venerdì alle 20:30)

17' Rebic (E), 25' Moisander (W), 89' Haller (E)

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche