Bayern Monaco, caso Kimmich: non vaccinato e positivo al Covid, il club lo multa

Bundesliga

Il club tedesco effettuerà un taglio dello stipendio per i non vaccinati costretti a quarantena o isolamento: Kimmich è risultato positivo al Covid ed è andato incontro a una seconda multa, perdendo in totale circa un milione e 536 mila euro. 

CORONAVIRUS, DATI E NEWS IN DIRETTA

Joshua Kimmich è risultato positivo al Covid e, per questo motivo, è stato multato dal Bayern Monaco. In Germania, infatti, ha fatto molto discutere la posizione del centrocampista classe 1995, che è tra i non vaccinati della rosa del club tedesco insieme a Choupo-Moting, Cuisance, Gnabry e Musiala (anche se gli ultimi due ci starebbero ripensando). In tanti hanno invitato Kimmich a ripensarci, anche per la posizione che ricopre che lo porta spesso a essere un esempio per tante persone. E anche il Bayern Monaco ha preso una posizione forte, comunicando ai non vaccinati che non pagherà loro lo stipendio per i giorni in cui, eventualmente, verranno messi in quarantena preventiva o in isolamento per la positività al Covid. La prima ipotesi, per Kimmich, si era già verificata e il giocatore aveva perso circa 768mila euro per una quarantena resa necessaria dall'avvenuto contatto con due positivi. Il centrocampista, ora, è stato contagiato e sarà quindi costretto a stare in isolamento, perdendo altri 768mila euro, per un totale di un milione e 536 mila euro. Oltre il Covid, quindi, anche la punizione da parte del Bayern Monaco. 

La posizione di Kimmich

leggi anche

Il Bayern taglia lo stipendio ai non vaccinati

Nonostante la sua decisione, il centrocampista del Bayern Monaco non si è mai dichiarato apertamente contro il vaccino. Anzi, ne riconosce l'importanza ma si è detto preoccupato per eventuali effetti negativi a lungo termine. Lo stesso Kimmich ha pure dichiarato pubblicamente di non essere negazionista, riconosce la gravità della pandemia che ha colpito il mondo intero e si è fatto anche promotore di un'associazione che aiuta le famiglie in difficoltà e le persone che hanno perso il lavoro a causa del Covid. Lo stesso Flick ha spiegato la posizione del giocatore del Bayern Monaco, parlando anche di un possibile ripensamento sul vaccino: "Credo sia orientato a cambiare idea – le parole del Ct tedesco – Ho parlato con lui, c'è stato un confronto positivo perché lui è interessato all'argomento. Ma non credo sia giusto metterlo alla gogna".  

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche