Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
07 dicembre 2009

Galliani: ''La Champions fa parte della storia del Milan''

print-icon
gal

Adriano Galliani si ''coccola'' Leonardo. Ora tutti gli occhi sono puntati sul Diavolo versione Champions League

Alla vigilia della sfida decisiva sul campo dello Zurigo, l'ad rossonero invita i suoi giocatori a ''mettere da parte il campionato per far bene nella competizione che è sempre in cima ai nostri pensieri''. TUTTI I GOL DELLA CHAMPIONS DA SKY SPORT

GUARDA TUTTI I GOL DELLA CHAMPIONS

"Il campionato è fondamentale, faremo di tutto per fare bene, ma la Champions è la nostra storia". Adriano Galliani ricorda la vocazione europea del Milan alla vigilia della sfida decisiva sul campo dello Zurigo. I rossoneri hanno bisogno di una vittoria per garantirsi la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League, a prescindere dal risultato di Marsiglia-Real Madrid. Per 48 ore, quindi, bisogna accantonare i discorsi relativi al campionato e all'inseguimento all'Inter, lontana ora solo 4 punti.

"Adesso non pensiamo al campionato, le competizioni sono diverse. C'è la Champions League e c'è il campionato. Adesso pensiamo alla competizione che è sempre in cima ai nostri pensieri", dice l'amministratore delegato, come riferisce il sito del club rossonero, prima della partenza da Malpensa. "Adesso pensiamo ad  andare a vincere, non possiamo rimanere con il batticuore di capire se il Marsiglia non vince con il Real Madrid. E' chiaro che se l'Olympique Marsiglia non vincesse qualsiasi nostro risultato andrebbe bene per la qualificazione, però noi dobbiamo fare con le nostre forze", aggiunge Galliani. "E' davvero strano che avendo fatto quattro punti con il Real Madrid e quattro punti con il Marsiglia non  siamo ancora qualificati, purtroppo abbiamo dato gli unici tre punti della sua classifica allo Zurigo in casa nostra e adesso dobbiamo cercare di riconquistarli a casa loro", prosegue. ''Io non ho facoltà di vedere il futuro, le partite non sono mai vinte prima di giocare, resta il fatto che ad oggi abbiamo fatto quattro punti con il Real, quattro con il Marsiglia e zero con lo Zurigo".

La formazione allenata da Leonardo ha accelerato nell'ultimo mese: con il gioco sono arrivati anche risultati eccellenti. "Il Milan gioca bene, con una tabella di marcia molto importante, ma soprattutto gioca molto molto bene. Da esteta, vedendo ieri più o meno tutte le partite, la nostra sembrava un match di un altro sport. L'ho rivista su Milan Channel e mi sembrava un Milan stellare nella prima mezz'ora", dice riferendosi alla vittoria per 3-0 ottenuta sabato contro la Samp.

Nella gara di due giorni fa si sono messi in evidenza anche due 'gregari' come Abate e Antonini. "Noi abbiamo sempre avuto questi giocatori. E' chiaro che quando si acquistano giocatori 'top mondo' in ogni ruolo, questi giocatori venivano trasferiti ad altre squadre di Serie A", dice Galliani. "Il nostro settore giovanile è sempre stamo prolifico. Adesso abbiamo cambiato un po' politica, giochiamo con questi ragazzi titolari e stanno facendo molto bene. Ricordo che anche Borriello è arrivato al Milan da ragazzo, ha girato molto, ma proviene dal nostro settore giovanile - aggiunge -. Abbiamo anche Di Gennaro e altri ragazzi importanti, comunque è molto piacevole avere Abate e Antonini titolari domani sera".

Una battuta su Gennaro Gattuso, che recentemente non ha escluso l'ipotesi di lasciare il Milan a gennaio. "Il mio rapporto con Gattuso è indissolubile, speriamo che rimanga indissolubile anche il  rapporto fra il Milan e Gattuso", dice Galliani. Al Real Madrid, intanto, Kakà vive un momento complicato con problemi fisici in una  squadra che ancora non appare amalgamata. "Kakà? Sono triste anch'io per la sua partenza dal Milan, diciamo che siamo tristi tutti e due", conclude Galliani con un sorriso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SKY SPORT 

COMMENTA NEL FORUM DEL MILAN