Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
18 ottobre 2010

Real-Milan, la stampa: per Mou il primo avversario vero

print-icon
spo

José Mourinho attende con particolare interesse il "derby" col Milan a Madrid

Unanimi i pareri, in vista del "gran reto", la grande sfida di martedì sera al Bernabeu: entrambe le squadre cercano un termometro per verificare il rispettivo livello di prestazioni. Per lo Special One un vero esame. LE FOTO, GIOCA A FANTACAMPIONI

Gioca subito al Fantacampioni!

Guida tv: così Real Madrid-Milan su Sky

Sfoglia tutto l'album del Milan

Per il nuovo Real Madrid targato Mourinho, la partita di Champions di domani sera al Santiago Bernabeu sarà la prima vera sfida impegnativa da quando il portoghese è ai comandi della squadra, per la stampa spagnola.

"El gran reto" (La grande sfida), titola Mundo Depurtivo,  rilevando che i rossoneri sono il "primo rivale di peso della stagione". "Finora Mou si è confrontato con avversari chiaramente inferiori" scrive il quotidiano sportivo: in Champions ha battuto un pallido Ajax e un modesto Auxerre, in Liga ancora non si è scontrato con i principali rivali, Barça, Valencia, Villareal o Siviglia.

Il Real cerca una rivincita alla sconfitta subita l'anno scorso in casa contro i rossoneri. Ma il Milan, sottolinea Robinho in una intervista a Marca, viene a Madrid per vincere.  Il brasiliano, ex-madridista, che aveva lasciato il club merengue quando è arrivato Cristiano Ronaldo, spiega di "non venire con voglie di rivincita, ma con tutte le mie forze per uscire vittorioso dal Bernabeu". Pato a El Mundo dice di "sognare di rifare" il primo gol segnato al Real l'anno scorso, quello più bello, "se ne ho l'opportunità", mentre Paolo Maldini spiega a As che "ciò che ora manca al Real è un Zidane". L'ex difensore rossonero rivela anche che nel 2002 il presidente merengue Florentino Perez "mi voleva a Madrid. Ma poi vincemmo la Champions e non fu possibile".

Secondo Abc le due squadre domani "si affrontano con lo stesso obiettivo: conquistare i tre punti e confermare un aspetto vitale, la loro affidabilità". Tanto Mourinho quanto Allegri, scrive il quotidiano di Madrid, "vedono in questo incontro un termometro per verificare il livello di prestazioni delle due squadre a questo livello della stagione".