Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
17 febbraio 2011

Borriello contro Ranieri. Che resiste: dimettermi? Ma va

print-icon
bor

La delusione di Borriello, poco felice di accomodarsi in panchina...

Dopo la sconfitta in Champions contro lo Shaktar, il tecnico della Roma ribadisce: ''Non ci penso per nulla a lasciare...''. E intanto l'attaccante giallorosso si scaglia contro di lui: "Vado in panchina io che ho fatto 25mila gol, ma come si fa...". FOTO

Guarda i video: le emozioni della Champions minuto per minuto

LE PAGELLE DI ROMA-SHAKTHAR


Doveva essere la partita del riscatto. Quella da non fallire. E invece la Roma si ritrova, a meno di una clamorosa rimonta in Ucraina, a un passo dal dire addio alla Champions League. Allo stadio Olimpico i giallorossi escono tra sonori fischi, cori di scherno ("tifiamo solo la maglia") e pesanti striscioni ("Indegni. Fuori le palle") dopo aver perso per 3-2 con lo Shakhtar Donetsk, formazione che al momento del sorteggio non pochi sorrisi aveva strappato nell'ambiente romanista. E che invece, dopo la gara d'andata degli ottavi di finale, fa piombare la Roma in una profonda crisi. Che però non sfocerà in un ritiro anticipato in vista della trasferta di Marassi col Genoa. La presidente Rosella Sensi avrebbe infatti voluto il ritiro, ma il netto rifiuto della squadra l'avrebbe fatta dissuadere dal proposito punitivo.

"Nessuno ha mai parlato di ritiro e io sono soddisfatto della squadra, ha fatto un secondo tempo straordinario - la difesa a caldo del tecnico della Roma, Claudio Ranieri -. Dimettermi? Non ci penso per nulla. Gli episodi hanno giocato un ruolo importante, ci sono stati tutti contro. Eravamo partiti bene, pressandoli a tutto campo, ben consapevoli delle loro pericolose ripartenze. E poi, dopo il nostro vantaggio, abbiamo preso gol dopo 45 secondi, con una doppia deviazione. Queste cose segnano le partite, forse dovevamo essere più compatti".

Ranieri non dimentica poi il clamorose errore di Riise che ha spianato la strada al terzo gol dello Shakhtar: "Il terzo gol subito è stato un infortunio. Bisogna accettare questa amara sconfitta, ma noi non molliamo. Magari al ritorno riusciremo a ribaltare il risultato. Stasera più di così non potevamo fare. Totti? Sono soddisfatto di quanto ha fatto".

Meno soddisfatto di accomodarsi in panchina Marco Borriello, immortalato dalle telecamere con un labiale abbastanza esplicito: "Vado in panchina io che ho fatto 25 mila gol, ma come si fa...". Queste parole sono state riferite a Ranieri, che ha cosi' commentato: "me lo ha fatto vedere in quei 30 minuti in cui ha giocato stasera...".

Decisamente scuro in volto anche Daniele De Rossi, sfortunato protagonista della deviazione che ha concesso agli ucraini di giungere all'immediato pareggio: "Stiamo attraversando un momento delicato ed è giusto anche prendere i fischi. Purtroppo la Roma ha grande talento e potenzialità, ma può fare anche un patatrac in dieci minuti come è capitato stasera".

"Probabilmente ci vorrà ancora tempo per diventare una grande squadra - l'amara riflessione di Capitan Futuro -. Ci manca la forza di reagire, di ribaltare anche gli episodi negativi e le casualità. Adesso siamo in una situazione paradossale, in due settimane è cambiata completamente la nostra situazione ma siamo tutti con Ranieri".