Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
26 marzo 2012

Galliani avverte il Barça: "Siamo abituati a queste sfide"

print-icon
mil

Fasi concitate tra Milan e Barcellona, l'andata dei quarti si preannuncia come una grande sfida (Getty)

L'ad del Milan è fiducioso in vista dell'andata dei quarti di finale di Champions: "Noi siamo stati sfortunati nel sorteggio, ma anche loro non sono stati fortunatissimi". Sull'infortunio di Thiago Silva: "Sono i rischi del mestiere". VIDEO

FOTO: Milan-Barça, meglio bassi o giganti? - Gli occhi di Ibra, uno sguardo che incenerisce - Duomo e Sagrada Familia. Anche questo è Milan-Barcellona

Guida tv: così Milan-Barcellona su Sky

"Nessuna delusione, sono i rischi del mestiere". Così l'ad del Milan Adriano Galliani prova a ridimensionare il caso dell'infortunio che costringerà Thiago Silva a circa un mese di stop. "Il Milan gioca sempre con la migliore formazione, non applica il turnover per filosofia aziendale nelle partite di Champions, di campionato e nelle fasi finali della coppa Italia, cerchiamo di onorare tutte le competizioni - ha spiegato Galliani prima del Consiglio della Lega di serie A -. Sapevamo che c'era qualche problema, e infatti ha fatto il riscaldamento anche Zambrotta. Thiago Silva sembrava a posto, poi è successo un infortunio e si parla di lui. Ma nessuno sa che Ibrahimovic ha giocato con il mal di schiena: se lo avessimo tenuto fuori magari non avremmo vinto. Sono i rischi del mestiere".

"Speriamo che questa sia la volta buona". E', invece, l'auspicio dell'ad rossonero per il viaggio di Alexandre Pato negli Stati Uniti, il secondo per provare a fare luce sui tanti infortuni muscolari che lo stanno condizionando. Ad Atlanta l'attaccante brasiliano si sottoporrà a una serie di visite e test con il prof. Frederick Carrick della Life University of Marietta e il suo ritorno in Italia è previsto per sabato. "Prima della partenza mi sembrava abbastanza fiducioso e di buon umore - ha detto Galliani - Mi aspetto che ritorni guarito, speriamo sia la volta buona".

Al Milan poteva capitare un avversario meno ostico dei campioni d'Europa nei quarti di Champions League ma, è convinto Galliani, "nemmeno il Barcellona è stato fortunatissimo". A due giorni dalla sfida d'andata contro i catalani, Galliani ricorda che nelle due partite della fase a gironi "il Milan se l'è giocata: complessivamente abbiamo pareggiato 4-4, più un rigore dubbio per il Barcellona - ha osservato l'ad milanista -. Incontriamo i campioni in carica, quelli che giocano meglio al mondo. E' bizzarro che per due anni siamo stati nelle prime otto e abbiamo incontrato il Real che era in seconda fascia. Poi quest'anno noi eravamo in seconda fascia e abbiamo beccato i campioni in carica nel girone e di nuovo ai quarti. Non siamo fortunatissimi nei sorteggi, ma nemmeno il Barca". "Sarà una grande partita - è convinto Galliani -. Il Milan da tanti anni è abituato a queste sfide, e io sono contento quando il Milan lotta. L'anno scorso in campionato eravamo in lotta con l'Inter, quest'anno con Juventus: l'avversario cambia, ma noi siamo sempre lì. Alla fine si perde, si vince, si pareggia ma l'importante è tenere il club al top".

L'arbitro - Sarà lo svedese Jonas Eriksson a dirigere Milan-Barcellona. Nato il 28 Marzo 1974, Eriksson ha un solo precedente europeo con il Milan: nella Coppa Uefa 2008-2009, contro il Werder Brema a San Siro, 2-2 il risultato finale. Nella stagione 2010-2011, invece, Eriksson ha diretto Barcellona-Rubin Kazan 2-0.

Gli assistenti di Eriksson saranno: Stefan Wittberg e Mathias  Klasenius; assistenti aggiunti Markus Strombergsson e Stefan Johannesson; quarto uomo Daniel Stalhammar; delegato Uefa Mikalai Varabyov; osservatore Arbitri Herbert Fandel.

Recuperi
- Buone notizie arrivano per quanto concerne Maxi Lopez e Robinho: entrambi sono recuperati. I due attaccanti hanno svolto l'intero allenamento con la squadra. Abate ha fatto in gruppo la prima mezz'ora atletica, poi, da programma, ha svolto lavoro in palestra. Poco dopo le 12.30, l'esterno rossonero è tornato sul campo per alcuni esercizi personalizzati con il pallone. Flamini e Valoti sono usciti sul campo per corsa e giri di campo.