Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
14 aprile 2015

Vidal lancia la Juve, il Monaco cade 1-0 allo Stadium

print-icon
[an error occurred while processing this directive]

Un calcio di rigore, dubbio, trasformato al 57' dal cileno permette ai bianconeri di battere la squadra di Jardim nella gara d'andata dei quarti. Ogni discorso qualificazione è rimandato alla sfida di ritorno

JUVENTUS-MONACO 1-0
57' rig. Vidal

Guarda la cronaca del match



GUARDA LE PAGELLE

Il primo round è della Juve, ma il Monaco non va al tappeto. Anzi. Ogni discorso qualificazione è rinviato alla sfida di ritorno al Louise II. L’andata dei quarti di finale di Champions League dello Stadium finisce 1-0: decide un calcio di rigore di Vidal al 57’. La Juve, che sperava di chiudere ogni discorso già in questo match, avrà bisogno di una prestazione alla Dortmund, tra una settimana a Monte-Carlo, per staccare il pass per le semifinali. Perchè di fronte avrà una squadra tutt'altro che disorganizzata e pragmatica.

Il Monaco visto allo Stadium, sotto gli occhi di Conte e Deschamps, ha dimostrato che non si elimina l’Arsenal a caso. La squadra di Jardim ha messo in difficoltà i bianconeri in ripartenza in più di una circostanza, soprattutto nella prima mezzora. La Juve poi ha alzato il ritmo e creato un paio di occasioni da rete, come quella di Vidal sul finale di primo tempo.

Il muro difensivo, posto da Jardim a difesa di Subasic, è crollato solo al 57’ quando un contatto dubbio tra Ricardo Carvalho e Morata, cominciato probabilmente fuori area, ha sancito il calcio di rigore, decretato dal ceco Kralovec, che Vidal ha trasformato magistralmente e di fatto deciso la partita. L’allenatore portoghese del Monaco al 70’ ha buttato nella mischia anche Berbatov per provare a trovare la rete del pareggio. Ma la Juve si è difesa sempre con ordine cercando, senza riuscirci, la rete del 2-0. Allo Stadium finisce 1-0 per la Juve, tra una settimana a Monte-Carlo però ci vorrà un’altra grande prestazione degli uomini di Allegri per continuare a coltivare quel sogno Champions che si chiama semifinale.