Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video
17 agosto 2015

La carica di Pioli: "Voglio vedere uno spirito da Lazio"

print-icon
pio

Stefano Pioli fiducioso per la sfida contro il Bayer (Getty)

Alla vigilia della gara d'andata del preliminare di Champions contro il Bayer, l'allenatore biancoceleste vuole cancellare un precampionato non esaltante: "Vogliamo tornare a far parlare i fatti, la nostra condizione è migliorata"

"Sono convinto che quanto fatto finora conta poco. E conta poco per me essere qui a parlare. Dobbiamo tornare a far parlare il campo. Abbiamo sempre parlato poco, da domani vogliamo tornare a far parlare i fatti e per quelli dobbiamo essere giudicati". Così il tecnico della Lazio, Stefano Pioli, alla vigilia dell'andata del play-off di Champions League in programma domani con il Bayer Leverkusen all'Olimpico. "Dobbiamo giocare con lo spirito da Lazio - prosegue Pioli - e con l'orgoglio di giocare davanti ai nostri tifosi. Il Bayer è una squadra simile a noi per mentalità, da due anni è ai vertici della Bundesliga e lo scorso anno ha fatto una buona Champions fermandosi agli ottavi con l'Atletico Madrid. Noi abbiamo la nostra identità, è solo il primo tempo ma vogliamo prenderci già dei vantaggi dalla partita di domani sera".

Archiviato il deludente precampionato culminato con la sconfitta di Shanghai con la Juventus in Supercoppa, per i biancocelesti da domani si apre una nuova parentesi: "Siamo pronti - ribadisce -, abbiamo migliorato la nostra condizione, anche se i risultati del precampionato non sono stati come ci aspettavamo". Secondo l'allenatore biancoceleste, non ci sono favoriti: "Sarà una sfida molto equilibrata - osserva Pioli -, il Bayer è una squadra solida, entrambe sono formazioni che hano cambiato poco. E' una sfida molto equilibrata tra due squadre che praticano un calcio molto simile. Anche noi abbiamo cambiato poco ma per scelta: lo scorso anno di questi tempi parlavamo di Lazio-Bassano, ora siamo qui a parlare di possibilità di entrare in Champions. Significa che siamo cresciuti e che siamo pronti per tenere testa a un avversario così forte".