Champions, Juventus-Olympiacos. Allegri: "Higuain è sereno, non sarà mai un problema"

Champions League

L'allenatore della Juventus presenta in conferenza stampa la sfida tra Juventus e Olympiacos, valida per la seconda giornata del girone D di Champions League

Archiviato il poker rifilato al Torino e le sei vittorie in campionato, la Juventus si concentra adesso sulla Champions League, dove è chiamata a riscattare il passo falso di Barcellona. La sfida contro l'Olympiacos rappresenta l'occasione della svolta per i bianconeri, obbligati a centrare i tre punti per non allontanarsi troppo dai blaugrana e dallo Sporting, che si affronteranno nell'altro match del girone. Intervenuto in conferenza stampa, Massimiliano Allegri ha presentato la gara con i greci, chiedendo ai suoi giocatori attenzione e concentrazione: "Higuain non sarà mai un problema, è sereno e concentrato sulla partita di domani. L'ho tenuto a riposo sabato ma sa che è un titolare di questa squadra. Non ho ancora deciso chi giocherà davanti, mentre a centrocampo ci saranno Pjanic e Matudi perché Khedira non è ancora pronto. Bentancur è l'unico in questo momento che può sostituirli e quindi verrà in panchina. Per quanto riguarda la difesa, Sturaro potrebbe giocare terzino mentre in mezzo ho ancora qualche dubbio". Sull'Olympiacos poi Allegri sottolinea: "Non dobbiamo assolutamente sottovalutarli, sono una squadra veloce che può sorprenderci in campo aperto. Dobbiamo tenere gli occhi aperti per centrare l'unico obiettivo che è la vittoria".

Parla Barzagli

Presente in conferenza stampa anche Barzagli, deciso anche lui a riscattare la sconfitta con il Barcellona: "L’approccio sarà uguale alle altre partite, più passano gli anni e più cerchi di migliorarti. Siamo tutti molto ben avvelenati per andare avanti il più possibile. L’approccio è sempre lo stesso, abbiamo voglia di giocare certe partite perché la Champions per un giocatore di calcio è il massimo. Credo sia fondamentale la partita di domani, è troppo importante vincere e poi da quella penseremo alle prossime. E’ inutile pensare adesso al primo posto. Il Barcellona lo abbiamo affrontato l’anno scorso andata e ritorno in un quarto di finale, è molto diverso che affrontarlo nel girone. In questi anni un po’ tutti abbiamo capito come si gioca la Champions, abbiamo imparato dagli errori e di conseguenza andiamo avanti. Questa competizione è fatta a periodi, conta la fortuna e molto altro. E’ un torneo complicato e per vincerlo devi essere forte".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche