Juventus, Allegri: "Grande partita, ma il calcio è bestiale. Ecco cosa ci siamo detti con Sergio Ramos"

Champions League

Tutta la delusione dell’allenatore bianconero dopo l’incredibile eliminazione ai quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid. "Abbiamo fatto una grande partita, c'è tanto amaro in bocca. La discussione con Ramos? Diceva che il rigore era claro, gli ho risposto che era grigio"

CASO RAMOS: POSSIBILE SANZIONE - LA SPAGNA SI DIVIDE SUL RIGORE

RIVIVI REAL MADRID-JUVENTUS MINUTO PER MINUTO

POST-GARA: LE PAROLE DI AGNELLI - BUFFON SPARA A ZERO SULL'ARBITRO - LE PAROLE DI CHIELLINI - LE PAROLE DI CRISTIANO RONALDO

SORTEGGIO CHAMPIONS: ORARI E GUIDA

Una partita praticamente perfetta da parte della Juventus, ma ad andare avanti in Champions League è il Real Madrid. Tre gol al Bernabeu per la squadra di Massimiliano Allegri, capace quasi contro ogni pronostico di ribaltare fino a pochi secondi dalla fine del match il 3-0 Blancos maturato nella gara di andata dei quarti di finale disputata una settimana fa all’Allianz Stadium. Quando tutto sembrava ormai portare ai tempi supplementari, però, l’episodio chiave: calcio di rigore per il Real Madrid e Cristiano Ronaldo a firmare il gol della beffa bianconera. Una delusione importante per Massimilano Allegri, che stava già pregustando l’impresa: "Abbiamo fatto un’ottima partita – ha detto l’allenatore della Juventus nel post gara -, i miei ragazzi sono stati bravissimi a ribaltarla. Io ero fiducioso e la squadra meritava i tempi supplementari. Ma è andata così ed è inutile piangersi addosso. C’è tanta amarezza, stasera e domani dovremo sfogarci, ma da venerdì ci toccherà pensare alla Sampdoria". 

Il Var non c’è, quindi abbiamo perso. Ramos? Gli ho detto che il rigore non era claro

Inevitabile, poi, una serie di commenti sul calcio di rigore decisivo ai fini della qualificazione del Real Madrid. Allegri si è anche trovato a discutere con Sergio Ramos, presente a bordocampo nei minuti finali nonostante fosse squalificato. "E’ successo che il Var non c’è e abbiamo perso – ha aggiunto Allegri -, questi sono i problemi dell’UEFA: il Var adesso non c’è e dobbiamo fare senza. Poi non c’è stata nemmeno l’ammonizione di Benatia, c’è stata una confusione generale. La reazione di Buffon invece è da umano, andava capito. La discussione con Sergio Ramos? Lui mi diceva che il rigore era claro, io gli ho solo detto che era grigio. E che allora c’era rigore anche su Cuadrado".

Pensavo di andare ai supplementari: il calcio è bestiale. Futuro? Devo parlare col presidente

Chiusura sull’andamento della gara, Allegri prima del calcio di rigore concesso al Real aveva effettuato una sola sostituzione. "C’è tanto amaro in bocca, tutte e due le squadre avrebbero meritato la qualificazione. Ma questa partita dà tanta consapevolezza a tutta la squadra. I cambi? O dopo il gol cambiavo e inserivo Cuadrado o niente, non potevo rompere gli equilibri a dieci minuti dalla fine. Così ho pensato di portare la gara ai supplementari, ma è andata male: il calcio è bestiale”. Infine un pensiero sul futuro: “Quando si affrontano queste partite io mi diverto – ha concluso Allegri -, ho ancora un contratto con la Juventus e dovrò parlare con il presidente. Ma adesso dobbiamo toglierci questo fardello e poi pensare al campionato".

I più letti