Valencia-Juventus, Marcelino: "Allegri il top, Cristiano Ronaldo non ci fa paura. Giochiamo per vincere"

Champions League

Le parole dell’allenatore del Valencia in conferenza stampa alla vigilia dell’esordio in Champions League contro la Juventus: "Loro sono la migliore squadra italiana e una delle principali candidate alla vittoria del trofeo, ma noi giochiamo sempre per vincere. Allegri è tra i migliori allenatori europei, conosciamo CR7 e non ci fa paura"

CLICCA QUI PER SEGUIRE LIVE VALENCIA-JUVE

TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE SU VALENCIA-JUVENTUS

Da un lato la consapevolezza di avere di fronte una delle squadre più forti d’Europa, dall’altro la fiducia di poter conquistare una risultato positivo anche grazie ad un ambiente che si preannuncia caldissimo. Parole chiare quelle dell’allenatore del Valencia Marcelino, che domani fa il suo esordio in Champions sulla panchina del club spagnolo contro la Juventus. Rispetto dunque, ma nessuna paura per Marcelino, che in conferenza stampa ha presentato la sfida ai bianconeri: "La Juventus è senza dubbio la migliore squadra italiana. I risultati in Serie A parlano chiaro, ma sono evidenti anche i risultati della squadra in Champions. I bianconeri sono una squadra vincente – ha detto l’allenatore del Valencia -, riescono sempre ad ottimizzare al meglio le risorse e riescono a vincere il campionato anche con relativa facilità. Sì, è storicamente una grandissima squadra ed attualmente una delle principali candidate alla vittoria della Champions League. Noi però seguiamo una mentalità, giochiamo sempre per vincere. Sappiamo che sarà dura giocare in questa competizione, ma intanto speriamo di poter battere la Juventus, poi penseremo al resto". 

L’elogio di Allegri. CR7, niente paura

Marcelino ha poi speso parole importanti per il suo collega sulla panchina bianconera, Massimiliano Allegri: "Si tratta di un allenatore che per nove stagioni consecutive si è qualificato in Champions League – ha spiegato la guida del Valencia -, quindi qualsiasi altro commento mi sembra inutile. Allegri è uno degli allenatori più prestigiosi a livello europeo". Poi, inevitabile, anche un pensiero sul giocatore della Juventus più atteso, Cristiano Ronaldo, che farà il suo ritorno in Spagna dopo aver lasciato il Real Madrid. "Cristiano lo abbiamo affrontato tante volte – ha aggiunto Marcelino -, spesso abbiamo subìto la sua forza, ma certamente non abbiamo paura di lui. Nella vita tutti abbiamo paura, ma non quando si tratta del nostro lavoro e di ciò che amiamo. Quindi non è corretto parlare di paura in questa situazione. Cercheremo di sicuro di far partecipare Cristiano Ronaldo il meno possibile alla manovra, ma in ogni caso la sua presenza non modificherà il nostro modo di andare in campo. Quindi proveremo a farlo giocare il meno possibile, se dovessimo riuscirci sarà già un primo passo verso la vittoria. Al di là di Ronaldo, comunque, siamo concentrati sulla forza globale della Juventus. La Juve è una squadra paziente, che sa aspettare e che sfrutta ogni errore dell’avversario, per questo dovremo essere bravi a non commetterne nessuno. Li dovremo aggredire, perché se non lo facciamo non potremo vincere".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche