Da Ronaldo a Messi: Perisic disegna il suo giocatore 'perfetto'

Champions League

L’esterno croato, in un video pubblicato dalla UEFA sui propri canali social, ha disegnato il suo giocatore ‘perfetto’. Dalle skills di Ronaldo ai dribbling di Messi, passando per le punizioni di Eriksen, i colpi di testa di Sergio Ramos e gli assist di De Bruyne: ecco tutte le sue scelte

ASAMOAH CARICO: “BATTIAMO MILAN E BARCA”

DERBY, LA SITUAZIONE NAZIONALI DELL’INTER
 

E’ uno dei pilastri su cui Luciano Spalletti ha costruito la sua nuova Inter. Sebbene sia un po’ stanco dopo le fatiche mondiali con la Croazia, Ivan Perisic resta un punto di riferimento per i compagni. Soprattutto in Champions League, dove la sua velocità potrebbe rivelarsi un’arma molto utile per scardinare le difese avversarie. Dopo aver assaggiato la massima competizione europea con il Borussia Dortmund (11 le presenze in due stagioni) l’esterno croato ci sta riprovando con la maglia dell’Inter, con cui fino a questo momento ha collezionato due vittorie su altrettante partite. Barcellona e Tottenham non fanno più paura come al momento del sorteggio e adesso i nerazzurri possono permettersi il lusso di sognare una qualificazione agli ottavi di finale. Nella competizione dei campioni, ognuno con le sue caratteristiche principali. Perisic ha provato a metterle insieme sui canali social della Uefa, in attesa del big match del Camp Nou con i blaugrana. Quello che ne è venuto fuori è semplicemente il giocatore perfetto.

Le scelte

Si parte dal miglior realizzatore di calci di punizione. Il croato non ha dubbi su chi scegliere: Christian Eriksen. Soltanto 26 anni e già 12 le reti segnate scavalcando la barriera e battendo i portieri avversari. L’ultima in Champions, proprio contro un’italiana, ovvero la Juventus nel 2-2 di Torino della stagione scorsa nell’andata degli ottavi di finale. Insomma, nel ritorno a Londra i giocatori di Spalletti dovranno essere attenti a non concedergli possibilità. Da una squadra inglese all’altra. Chi è il migliore nella visione di gioco? Kevin De Bruyne. Classe 1991, già 141 gli assist totali sfornati in tutta la sua carriera. Impressionante l’anno scorso, dove ha raggiunto quota 21. Quest’anno è ancora fermo a zero a causa del brutto infortunio al collaterale che lo sta tenendo fermo da inizio agosto. Chi gli assist li sa sfruttare è Harry Kane, ritenuto da Perisic il miglior finalizzatore, anche meglio di Icardi. Quasi 200 i gol segnati in totale nonostante i soli 25 anni. 41 quelli messi a segno nelle 48 partite giocate della passata stagione, 6 in 10 il bottino attuale. Poi ecco Messi, visto come il numero uno nei dribbling e Ronaldo, il maestro da seguire per le cosidette skills, ovvero le giocate spettacolari: chiedete ai suoi attuali compagni se ne sanno qualcosa. Infine Casemiro, che gli attaccanti ha il compito di fermarli e che è ritenuto da Perisic come il miglior incontrista, quello che a suon di contrasti e lavoro sporca è abituato a rubare il pallone alle stelle indicate da Perisic
 

I più letti