Dani Alves: "Essere allenati da Guardiola meglio di fare sesso". La replica di Pep è geniale: "Io preferisco il sesso!"

Champions League

Dopo gli elogi del terzino brasiliano, che ha detto senza giri di parole che "essere allenati da Guardiola è meglio di fare sesso", l’allenatore del Manchester City ha risposto in maniera geniale: "Io preferisco il sesso!"

CON GUARDIOLA IL CITY E' DA RECORD: 12 GOLEADE DA QUANDO C'E' LUI!

FOUR FOUR TWO, ECCO I MIGLIORI 50 ALLENATORI AL MONDO: COMANDA GUARDIOLA

Un rapporto idilliaco quello tra Dani Alves e Pep Guardiola. A lungo insieme ai tempi del Barcellona, i due – uno in campo e uno in panchina – hanno vinto tutto in blaugrana. Una stima che non è mai terminata, soprattutto da parte del terzino attualmente al Paris Saint Germain nei confronti del suo vecchio allenatore. E nel corso di un’intervista rilasciata per un documentario sull’esperienza di Guardiola al Barcellona, Dani Alves ha elogiato l’attuale allenatore del Manchester City con parole incredibili: "Guardiola è il migliore con il quale abbia mai lavorato. Essere allenato da lui – ha detto il brasiliano – era meglio di fare sesso". 

Pep... non ci sta!

Una frase particolarissima e che ha destato parecchio scalpore quella di Dani Alves, ripresa immediatamente da tutti i media internazionali. E sulla dichiarazione del suo vecchio giocatore è intervenuto anche lo stesso Guardiola, che in conferenza stampa ha replicato in maniera assolutamente geniale: "Dani Alves ha detto che lavorare con me è meglio di fare sesso? No – ha detto sorridendo l’allenatore spagnolo -, io preferisco il sesso!". Guardiola ha poi rivolto una frecciatina a Zlatan Ibrahimovic, con il quale invece il rapporto non è mai decollato: "Come mai ci sono così tanti giocatori che amano il mio modo di allenare? Oltre a quelli che mi stimano, io vedo anche una lista enorme di gente che la pensa in maniera opposta. Ad esempio in Svezia, o anche in altri posti, non piaccio troppo. Di solito accade quando qualcuno non gioca regolarmente, non possono essere miei grandi fan. Cerchiamo di convincerli, a volte ci si riesce e altre volte no".    

La verità di Dani Alves

Sempre nel corso dello stesso documentario Dani Alves ha spiegato i motivi che lo hanno portato a non ricongiungersi con Guardiola, quando nel 2016 il suo passaggio al Manchester City sembrava cosa fatta: "E’ vero, era tutto fatto – ha spiegato l’ex difensore della Juventus -, ma poi è saltato tutto a causa di alcune decisioni familiari. Avevo parlato con Guardiola, sapeva perfettamente che la mia intenzione era quella di lavorare con lui e con il suo staff. Sa che per loro ho un grandissimo rispetto: volevo giocare nuovamente per lui, ma poi è venuto fuori qualcos’altro. Nella vita bisogna pesare tutto, a me piace prendere le decisioni con attenzione, in modo da non danneggiare le persone che mi stanno vicino e affinché queste siano felici. Se chi mi sta vicino è felice, io posso fare il mio lavoro al meglio. Non lavorare di nuovo con Guardiola per me è stato un peccato, lui sa che lo adoro. Ma allo stesso tempo ho deciso di affrontare delle nuove sfide ed è questo che mi ha fatto cambiare idea".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport