Roma-Porto, De Rossi: "Zaniolo diventerà un campione. Non siamo tranquilli col 2-1"

Champions League

Il capitano giallorosso esalta il grande protagonista della notte dell'Olimpico: "Zaniolo diventerà un campione". Poi sul match: "Peccato aver subito il gol, il 2-1 non ci lascia tranquilli"

ZANIOLO, DOPPIETTA-RECORD. E CAPELLO CI VEDE POGBA

ZANIOLO: "HO REALIZZATO UN SOGNO"

ROMA-PORTO 2-1: GOL E HIGHLIGHTS

LA STORIA DI NICOLÒ ZANIOLO - LA SUA NOTTE MAGICA VISTA DA BORDOCAMPO

SKY SPORT NON SI FERMA MAI: 58 PARTITE IN 16 GIORNI

I riflettori sono tutti puntati su di lui, su Nicolò Zaniolo, autore di una doppietta da record in Champions nella notte di Roma-Porto all'Olimpico. "È un altro record che si aggiunge a quello che sta dimostrando partita dopo partita, allenamento dopo allenamento. Ha una potenza fisica incredibile per un ragazzo di 19 anni e l’abbina anche a un'ottima tecnica. Secondo un po' tutti diventerà un campione", parla così Daniele De Rossi ai microfoni di Sky Sport al termine della gara d’andata degli ottavi di finale vinta per 2-1 contro il Porto proprio grazie alla doppietta del classe 1999.

Come hai vissuto la partita?
"Ho giocato quasi tutti i 90 minuti con la marcatura a uomo ma ce lo immaginavamo. Non è molto divertente per noi mediani, è una partita di sacrificio, cerchi di fare un po’ di più di fase difensiva"

In merito al gol subito
"A differenza degli ultimi mesi, siamo stati abbastanza uniti e compatti come squadra, abbiamo concesso pochissimo e prendere il gol subito dopo il nostro raddoppio ci ha fatto male e messo anche un po’ di paura. E’ un vero peccato anche perché durante la partita siamo stati molto attenti, era quello che chiedevamo a noi stessi da tanto tempo"

Pensando alla partita di ritorno
"Nessuno più di noi sa che il 2-1 è un risultato che fa stare tranquilli ma è un buon risultato. Non bisognerà prendere gol e bisognerà fare una partita attenta come fatto qui. Cambia molto dal 2-0 ma partiamo avvantaggiati"

Vi aspettavate un Porto così aggressivo e compatto?
"Avevamo studiato i loro filmati, sapevamo che erano un po’ diversi dagli ultimi Porto che avevamo affrontato e che avevamo visto giocare più sul fisico, sul concreto, sulla profondità, sulla verticalità, meno sul palleggio di quando la squadra ce l'aveva Lopetegui o Espirito Santo. Sono una squadra forte e fisica, diverse dalla altre squadre portoghesi, ma ce l’aspettavamo, non siamo stati colpiti a sorpresa, sapevamo che giocavano un calcio di questo tipo. Noi abbiamo anche Marcano che ha giocato quattro anni con loro e ci aveva avvisato che è tutt’altra squadra".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.