Atletico-Juve, Del Piero sul ko bianconero di Champions: "Ritmo e intensità diverse"

Champions League

Lo storico capitano bianconero analizza a Sky Sport il ko della quadra di Allegri al Wanda Metropolitano: "Atletico a ritmo Champions, Juve un passo sotto. Griezmann è giocatore fenomenale"

OPERAZIONE REMONTADA, I NUMERI DICONO CHE...

CR7, IL GESTO A TIFOSI E GIORNALISTI DELL'ATLETICO

ATLETICO-JUVE 2-0: GOL E HIGHLIGHTS

L'analisi di una sconfitta che rischia di compromettere il cammino europeo della Juventus. Ad analizzare il ko dei bianconeri al Wanda Metropolitano (2-0 il finale) di Madrid è lo storico capitano juventino Alessandro Del Piero: "Secondo me la parola chiave per descrivere al meglio la gara tra Atletico-Juventus è intensità. Da una parte la squadra spagnola ha giocato questo match come una finale, come amano sempre ripetere loro; dall'altra, una Juventus che stava 'studiando'", le sue parole a Sky Sport dopo l'andata degli ottavi di Champions. "Ecco perché ogni palla giocata era 'controllo e passaggio' e mai un tocco di prima, ecco perché la Juventus ha dato questa sensazione di non essere in partita. Facendo così l'Atletico 'ti mangia'. Poi - ha proseguito Del Piero nella sua analisi - in questo stadio, con questo ambiente, ancora di più. Tra le due squadre c'era un'intensità diversa in tutto, a partire dalla fase difensiva a quella offensiva. Secondo me è stata questa la differenza principale".

"Atletico a ritmo Champions, Juve un passo sotto"

"La gara viaggiava su due ritmi diversi. L'Atletico aveva un ritmo da Champions League, la Juventus invece era un passo sotto sia per quel che riguarda il giro palla, che sul piano dell'attenzione e dei movimenti", ha spiegato Del Piero. "La Juventus ha subito due gol in due situazioni da calcio piazzato dove i bianconeri erano anche messi bene, ma è la palla inaspettata che poi fa la differenza. E su quelle due l'Atletico ha fatto gol. Così come nelle occasioni avute con Diego Costa e Griezmann, nate da due rimpalli", ha proseguito l'ex numero 10 bianconero. "Dettagli, particolari e intensità: su questi fattori i giocatori della Juventus sono stati sottotono. E se questo avviene al Wanda Metropolitano contro l'Atletico, può andarti bene per 75 minuti com'è accaduto, però può poi capitare di subire due gol che complicano la qualificazione", ha poi aggiunto.

"Griezmann fenomenale, fa anche il terzino"

Elogio speciale per Antoine Griezmann: "È un giocatore fenomenale. Lo è nei passaggi di prima, lo è nella sensibilità e nell'interpretazione del gioco. Ma soprattutto nelle interpretazioni del ruolo. Lui, infatti, riesce a interpretare qualsiasi tipo di ruolo: negli ultimi 10 minuti di gara ha fatto il terzino destro, è stato ammonito al 90' per un intervento vicino all'area di rigore. Non ha fatto gol perché Szczesny ha fatto una parata eccezionale sul suo pallonetto", ha ammesso Del Piero. Che ha analizzato la prova di Cristiano Ronaldo: "È stato sicuramente volenteroso nel cercare spazi e tiri. È stato sempre presente, anche se non proprio al top della condizione, magari è mancato qualcosina, così come a tutti i suoi compagni di squadra", ha concluso a Sky Sport l'ex numero 10 della Juventus.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche