L'Ajax è l'avversaria della Juventus dei quarti di Champions League: le cose da sapere

Champions League

Reduci dalle imprese contro le due squadre di Madrid, Juve e Ajax si incrociano nel loro cammino... proprio verso Madrid. Precedenti a favore dei bianconeri, con CR7 sempre scatenato contro i lancieri. "L'incoscienza" con cui giocano i giovani dell'Ajax può essere un'arma a doppio taglio

CR7, NIENTE SQUALIFICA: CON L'AJAX CI SARÀ

QUARTI CHAMPIONS, SARA' AJAX-JUVENTUS

CHAMPIONS, CALENDARIO E TABELLONE VERSO LA FINALE

Hanno cancellato Madrid dalla cartina europea della Champions con due imprese, adesso si affrontano ai quarti di finale con il pensiero rivolto proprio a Madrid, sede della finale. La Juventus pesca l’Ajax e la partita degli olandesi al Bernabeu è ancora negli occhi di tutti: Real fatto fuori grazie a una prestazione da favola, ma se parliamo di imprese anche i bianconeri hanno la loro da sventolare, con l’Atletico ribaltato quando sembrava impossibile.

Il momento dell'Ajax

Qualificatosi come seconda nel girone alle spalle del Bayern, ma senza mai perdere (1-1 e 3-3 nei due confronti con i bavaresi), l’Ajax ha incontrato la sua prima sconfitta in Champions in casa, nell’andata degli ottavi con il Real, 1-2 poi capovolto con il 4-1 di Madrid. Sconfitta che va a sommarsi a quelle incassate in campionato in questa stagione contro il Psv capolista: 3-0 e un pesante 6-2, nonostante i quali i lancieri sono a -2 dalla vetta, con il miglior attacco della Eredivisie (88 gol in 25 partite) e la seconda miglior difesa (21 subiti).

Beata incoscienza e "niente da perdere"

Sui ragazzi terribili di ten Hag si è scritto tanto, specie dopo la vittoria al Bernabeu: si è parlato di spensieratezza e beata “incoscienza”, quelle che solo i giovani – età media della squadra 24.1 anni – possono portare in campo e che possono essere un punto di forza così come un problema. All’Ajax di oggi, capace di non tremare al cospetto del Bernabeu e di sbancarlo, manca comunque l’abitudine a frequentare certi palcoscenici europei: la Juventus, questa Juventus, ha l’esperienza sufficiente per non commettere gli stessi errori del Real Madrid. D’altra parte, va temuto il fatto che l’Ajax se la giocherà senza nulla da perdere: in certe gare può rappresentare l’approccio migliore.

Precedenti piacevoli

I precedenti giocano a favore della Juventus: 12 scontri tra i due club, 6 vittorie dei bianconeri, 4 pareggi e solo 2 sconfitte. Mai battuta negli ultimi 9 confronti, la Juve ha vinto cinque delle ultime sei sfide con l’Ajax in competizioni europee (0-0 nella più recente) e tutte le ultime 3 giocate ad Amsterdam. L’ultimo ko della Juve contro l’Ajax risale al 1974, il precedente più piacevole per i bianconeri, ovviamente, è quello della finale di Roma vinta ai rigori nel 1996, quando la Juve sollevò la sua ultima Champions.

Ronaldo, già 7 gol all'Ajax  

Anche Cristiano Ronaldo sorride ripensando all’Ajax: in carriera l’ha incontrato 5 volte riservandogli 7 gol (compresa la sua prima tripletta in Champions). Solo contro Juventus e Bayern ha fatto più gol nella massima competizione europea.

I talenti della scuola Ajax

Una scuola, quella dell'Ajax, che storicamente sforna campioni, spesso rivenduti a cifre da capogiro che permettono di tenere in vita il vivaio. Una macchina perfetta, con il "de Toekomst" ("il Futuro", così si chiama il centro sportivo del club) che è il fulcro di tutto il processo. Gli ultimi due campioni in rampa di lancio sono de Ligt, difensore monitorato anche dalla Juventus, e Frankie de Jong, centrocampista per il quale il Barcellona ha bruciato la concorrenza di tutti i top club assicurandoselo già per la prossima stagione: pagato 75 milioni + 11 di bonus, nel 2015 l'Ajax l'aveva prelevato dal Willem II per la cifra simbolica di un euro (più il 10% sulla futura rivendita): una discreta plusvalenza.

De Ligt, classe '99, capitano, esordio in prima squadra a 17 anni, ha già l'esperienza di una finale (di Europa League) nel 2017, giocata a soli 17 anni e 285 giorni ed è il più giovane esordiente di sempre nella Nazionale olandese (17 anni, 7 mesi, 10 giorni). Chiamateli pure predestinati.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche