Juventus, Emre Can: "Allegri geniale con Atletico. Esultanza CR7? Si sa a chi era rivolta"

Champions League

Il centrocampista è tornato a parlare del ritorno degli ottavi di Champions: “Tatticamente non avevo mai giocato così, è stata una mossa geniale dell’allenatore, il suo piano è riuscito perfettamente. Cristiano è autorizzato ad esultare in quel modo dopo il gesto di Simeone e ciò che gli hanno detto all’andata”

CR7, NIENTE SQUALIFICA: CON L'AJAX CI SARÀ

STURARO: "GOL A JUVE LIBERAZIONE. GENOA CASA MIA"

Protagonista inatteso e giocatore chiave nell’incredibile rimonta operata dalla Juventus ai danni dell’Atletico Madrid agli ottavi di finale di Champions League. La duttilità di Emre Can è stata decisiva, per aggredire molto alti e senza sosta i giocatori spagnoli, con Allegri che l’ha schierato come finto difensore in un reparto a tre. “Tatticamente non avevo mai fatto niente di simile, la linea passava in continuazione da tre a quattro e si è rivelata una mossa geniale dell’allenatore, da vero giocatore di scacchi. Il suo piano è riuscito alla perfezione. Esternamente è difficile comprendere tutta la pressione che c’era su di noi dopo la partita d’andata, volevamo mandare un segnale dal mondo e dopo il fischio finale negli spogliatoi c’era emozione pura” ha raccontato il tedesco ai microfoni della Bild. Ora la Juventus attende di conoscere il verdetto dell’UEFA sull’esultanza di Cristiano Ronaldo: “Per me è autorizzato ad esultare e rispondere come crede, dopo quello che ha fatto Simeone all’andata. Tutti sapevamo a chi fosse indirizzato quel gesto, sono stato felicissimo che abbia segnato tre gol perché non è stato facile a Madrid: ha dovuto ingoiare parecchi bocconi amari. La gente si sorprenderebbero di vedere quanto è normale”.

Delusione nazionale

Il centrocampista non è rientrato nei convocati della Germania, impegnata per le qualificazioni ai prossimi Europei. “Non voglio commentare, lascio questa cosa ad altri. All’estero le mie valutazioni vengono valutate diversamente rispetto al paese. L’obiettivo resta quello di tornare titolare in nazionale e di poter essere un leader per la squdra” ha concluso il giocatore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche