Juve-Ajax, Mourinho avverte i bianconeri: "Non mi stupirei se venissero eliminati"

Champions League

Poco più di un mese fa lo Special One azzardava la rimonta bianconera a Torino contro l'Atletico Madrid, profezia poi avverata grazie a CR7. Stavolta il pronostico di Mou, confidato a Russia Today, non premia la squadra di Allegri: "Il Bayern Monaco doveva vincere la Champions, il PSG anche. Così come il Real o l'Atletico Madrid. All'Ajax nessuno pensava di avere qualche minima possibilità di vincerla, eppure ce l'hanno. Contro la Juve è complicato ma possono farcela"

JUVE-AJAX LIVE

BARCELLONA-MANCHESTER UNITED LIVE

JUVE-AJAX, COME VEDERE LA PARTITA SU SKY

JUVE: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

"Se proprio devo scegliere dico Atletico Madrid, ma non sarei sorpreso se la Juve rigirasse il tutto". Chi parla è José Mourinho e la dichiarazione risale a poco più di un mese fa, quantomeno prima del clamoroso 3-0 dei bianconeri a Simeone nel ritorno degli ottavi di Champions. Un’impresa targata Cristiano Ronaldo, protagonista assoluto nell’accesso ai quarti e del doppio confronto con l’Ajax. Archiviato l’1-1 dell’andata ad Amsterdam, sfida nella quale il solito CR7 ha lasciato il segno, i bianconeri si apprestano al 2° atto all’Allianz Stadium nel match da non sbagliare. A ritornare in orbita Champions League, soffermandosi tra semifinaliste e possibili sorprese, è stato nuovamente lo Special One attualmente privo di una panchina dopo l’esonero di dicembre al Manchester United. Effettivamente Mou pare davvero a suo agio in televisione, ribalta concessa nuovamente dall’emittente russa RT dove l’allenatore portoghese è la star del programma On The Touchline. E quindi l’ex manager di Inter, Chelsea e Real Madrid si è espresso sugli incontri in programma in settimana dicendo ovviamente la sua sulla Juventus di Allegri.

Mourinho avvisa la Juve: "L'Ajax ha possibilità di vincere la Champions"

Si riparte dall’1-1 del 1° atto, reti di Ronaldo e Neres con un epilogo tutto da scrivere a Torino: lo sa bene José Mourinho che, alla guida del Porto e prima dell’Inter, trionfò in Champions League nel 2003 approfittando del fatto che la sua squadra avesse meno pressioni rispetto alle altre pretendenti. Una posizione simile a quella degli uomini di Ten Hag: "Credo che l’Ajax sia l’unica squadra che a questo punto della competizione non risenta assolutamente della pressione di dover portare a casa il risultato". Difficile dargli torto, ma che dire del fattore casalingo a disposizione di Juve e Barcellona? "Entrambe partono sicuramente con un leggero vantaggio dati i risultati delle partite d’andata - ha proseguito Mou -, ma non mi stupirei se venissero eliminate da Manchester United e Ajax. Tutte partono alla pari, nessuno pensa che sia o non sia fatta, le rimonte in questa competizione ci sono già state". Se i tifosi bianconeri possono concedersi tutti gli scongiuri del caso, l’allenatore portoghese ha proseguito la sua disamina analizzando le grandi d’Europa inciampate verso l’epilogo del Wanda Metropolitano: "Il Bayern Monaco doveva vincere la Champions, il PSG anche. Così come il Real o l’Atletico Madrid. All’Ajax nessuno pensava di avere qualche minima possibilità di vincerla, eppure ce l’hanno". E per chi punta il dito sulla mancanza di esperienza internazionale degli olandesi, Mourinho ha la risposta pronta: "In questo momento sono una squadra migliore di quella di due anni fa. Hanno due o tre giocatori con più esperienza. Certamente quella contro la Juventus è una sfida complicata per loro, ma possono farcela". Insomma, secondo il profetico Mou a questo punto della competizione non ci sono favorite sulla strada di Madrid: "Molto difficile capire chi si qualificherà, direi che tutte hanno la possibilità di vincere il trofeo al 12,5%".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.