Atalanta-Liverpool, Gasperini: "Non firmerei per un pareggio. Non ci snatureremo"

champions

Le parole dell'allenatore nerazzurro alla vigilia della super sfida di Champions contro il Liverpool campione del mondo: "Abbiamo fatto un percorso preciso per arrivare fin qui, quindi è improbabile che cambieramo modo di giocare. I complimenti di Klopp motivo di orgoglio, mi piacerebbe vederlo in Italia. Proveremo a fare punti per ottenere un vantaggio sull'Ajax"

ATALANTA-LIVERPOOL LIVE

Il successo ritrovato in campionato per affrontare al meglio la gara più importante di questo avvio di stagione: dopo la vittoria di Crotone, l'Atalanta è pronta ad ospitare il Liverpool. Dopo aver conquistato 4 punti nelle prime due partite del gruppo D, nella terza giornata della fase a gironi di Champions League i nerazzurri vogliono ben figurare anche contro i campioni del mondo in carica allenati da Jurgen Klopp. Che alla vigilia ha riempito di complimenti gli avversari: "Sono complimenti importanti per noi - ha detto Gasperini a Sky Sport -. Sarà uno di quegli appuntamenti che abbiamo sempre sperato di affrontare in Champions. Loro sono l’espressione migliore del mondo, soprattutto due anni fa in Champions. Oltre alle individualità hanno una grande organizzazione di squadra. Se siamo stati paragonati a loro vuol dire che abbiamo fatto bene e speriamo di continuare a farlo. Ma ci sarà bisogno della migliore Atalanta".

"Mi piacerebbe vedere Klopp in italia"

Klopp ha perso tutte e 5 le partite giocate in Champions in Italia: "Potevi fare a meno di dirlo, almeno per scaramanzia... - sorride Gasp -. Mi piacerebbe vederlo in Italia, sarebbe un valore aggiunto per il nostro campionato. Ma in questo momento le squadre inglesi viaggiano a livelli più alti, dobbiamo riconoscerlo. Ma nel calcio a volte anche chi è meno forte riesce a fare risultato. Comunque sarebbe bello se gente come lui o ad esempio Guardiola venissero in Italia". Firmare per un pareggio? "Nel calcio non si può mai firmare per niente. Ciò che conta è la partita sul campo. Noi dobbiamo affrontare queste gare con umiltà ma anche con l’ambizione di imparare qualcosa, solamente giocando contro i più forti si può imparare qualcosa. Se poi riuscissimo a fare risultato sarebbe importante per il girone.L’unico rammarico è che non ci sarà il nostro pubblico, sarebbe stata una festa". Atalanta che sarà senza De Roon e Gosens e...? "Toloi è recuperabile, per Hateboer e Romero non ci sono lesioni muscolari ma sono solo affaticamenti. Ma dovendo giocare ogni tre giorni diventa più difficile. Tutto è rimandato a domani mattina, speriamo di poterli recuperare". 

Le parole di Gasp in conferenza stampa

GLI AVVERSARI

Klopp: "L'Atalanta mi diverte, somiglia al Leeds"

Che impressione fa sapere che Klopp ha detto che, con tutto il rispetto per l'Ajax, questa è la partita più affascinante del girone e che si diverte a vedervi?

"Questo è un grandissimo complimento. Klopp è un riferimento per tutti gli allenatori per ciò che ha saputo fare negli anni. Questo dà ancora più fascino a questa partita contro una grande squadra che ha vinto il Mondiale per club e la Champions due anni fa. Per noi è un motivo di orgoglio giocare contro il Liverpool, l'unico rammarico è che non ci sarà il pubblico. Il nostro sogno è sempre stato quello di andare a giocare a Liverpool, in quello stadio fantastico, accompagnati dai nostri fantastici tifosi"

 

Cosa ha pensato quando Klopp ha detto che il Liverpool dovrà essere molto attento a difendere?

"Questo credo che sia alla base delle squadre più offensive come possiamo essere noi o anche il Liverpool. Siamo indicate come squadre d'attacco, ma la base è saper conquistare la palla e avere una buona organizzazione difensiva. Questa è l'essenza che vale per tutte le squadre considerate offensive"

 

Come stanno gli infortunati? Qualcuno tra Toloi, Romero e i due esterni di fascia è recuperato? 

"Sicuramente saranno fuori De Roon e Gosens. Per il resto abbiamo buone possibilità di recuperare tutti. Abbiamo fatto degli esami e non ci sono grossi problemi. Purtroppo c'è poco tempo per recuperare, ma tutti, Romero, Hateboer e Palomino, hanno delle chances di rientrare"

 

Quanto pesa questa partita nell'ottica del girone?

"Penso che per noi saranno fondamentali queste due prossime partite con il Liverpool. Ci confrontiamo con la squadra più forte del girone. Sarà fondamentale provare a fare risultato in uno o magari in entrambi gli scontri per riuscire ad avvantaggiarci sull'Ajax e arrivare alla fine con un vantaggio. Ma questa è teoria, in pratica bisogna giocare e ogni partita ha sempre un'importanza maggiore"

 

Klopp ha tessuto le lodi dell'Atalanta. Immagino che lo stesso valga anche per lei nei loro confronti.

"Lo ripeto, i complimenti di Klopp sono per noi un grande merito. Domani arriviamo a questa partita con l'intenzione di misurarci con quelli che sono tra i numeri uno in Europa e nel mondo. Questo è lo spirito con cui arriviamo a questa partita, per confrontarci contro organizzazioni di questo livello sotto ogni punto di vista. Per questo per noi è una gara di prestigio"

 

Considerata l'emergenza, dobbiamo aspettarci l'Atalanta di sempre o qualcosa di diverso considerato anche l'avversario?

"La formazione la potrò stabilire domani mattina in base al recupero o meno dei giocatori di cui abbiamo parlato prima. La difficoltà è data solo dall'immediatezza della gara, ma non siamo di fronte a infortuni importanti. Posso assicurare che non ci snatureremo, abbiamo fatto un percorso che ci ha portato a giocare contro il Liverpool e pensare di snaturare il nostro modo di giocare mi sembra davvero improbabile"

 

Si può fare un paragone tra il modo di affrontare il Liverpool domani e le due gare contro il Manchester City dell'anno scorso?

"Il livello di difficoltà è assolutamente simile, sono due squadre che per valore si avvicinano moltissimo anche se con un modo di giocare molto diverso. Per noi è la possibilità di misurarci con i migliori e per vedere quanto siamo competitivi nei loro confronti. L'anno scorso col City abbiamo acquisito delle conoscenze che poi ci sono state utili nel resto della stagione, sia in campionato che in Champions. Siamo riusciti anche a fare risultato, perché nel calcio - a volte - anche quelli un po' meno forti riescono a fare risultato. È quello che speriamo anche per domani"

Zapata: "Mi godo la Champions. L'assenza di Van Dijk? Non conta, loro comunque fortissimi"

vedi anche

Classifica marcatori Champions: Haaland primo

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, anche Duvan Zapata ha parlato dell’importanza della sfida contro il Liverpool: "Sappiamo quale squadra affronteremo - ha detto l’attaccante colombiano -, sono forti e due anni fa hanno vinto questa competizione. L'anno scorso hanno vinto la Premier League, quindi il livello è molto alto. Siamo motivati, come ha detto il mister giocando contro i più forti ci possiamo arricchire. Sarebbe importante per il nostro percorso fare un risultato positivo, ma sappiamo che non è per niente facile". Tra i Reds pesantissima l'assenza di Van Dijk: "Per me questo non vuol dire nulla - ha chiarito Zapata -, restano una squadra fortissima anche se hanno perso dei pezzi importanti. E Klopp è un grandissimo allenatore, lo dimostra già da molto tempo. In ogni caso sappiamo che se riusciremo a esprimere il nostro gioco e a giocare con intensità, potremo far male". Sempre più trascinatore dei nerazzurri, Zapata potrà godersi da protagonista questa fase a gironi di Champions dopo che nella passata stagione era stato costretto a saltarne gran parte a causa di un infortunio: "Me la sto godendo e sto approfittando di questa opportunità. L'ho presa in questo modo - ha concluso -, come una possibilità di far vedere tutte le mie capacità. L'anno scorso sono stato qualche mese fuori, quest’anno la mentalità è di sfruttare al massimo tutto ciò che l'anno scorso ho perso".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche