Allegri dopo Malmoe-Juve: "Buona partita, ma ora serve equilibrio. Rabiot è straordinario"

champions

L'allenatore della Juventus analizza il successo in trasferta contro il Malmoe: "È stata una buona gara dal punto di vista tecnico anche se potevamo sfruttare meglio alcune situazioni. Rabiot è straordinario, Dybala ha giocato bene e anche Szczesny". Ora il Milan: "Affronteremo una squadra che ha entusiasmo. Dopo questo successo serve equilibrio"

MALMOE-JUVENTUS: GLI HIGHLIGHTS

È un Massimiliano Allegri soddisfatto per il risultato e la prestazione quello che parla al termine della gara vinta 3-0 con il Malmoe: "Quando giochi una partita di Champions c'è sempre preoccupazione. Anzi, attesa - spiega - Un debutto in trasferta, dopo i risultati non arrivati in casa: è ovvio ci fosse un po' di pressione in più. I ragazzi hanno fatto una buona partita sul piano tecnico, anche se nel primo tempo potevamo sfruttare meglio alcune situazioni. C'è da migliorare. Il 14 luglio abbiamo cominciato un percorso e questo non cambia. I risultati condizionano il giudizio, ma bisogna essere bravi a mantenere l'equilibrio, sia nelle sconfitte che nelle vittorie"

"Cose positive, Rabiot straordinario, bene Dybala"

approfondimento

Malmoe-Juventus 0-3, gol e highlights

Il bilancio dopo questa vittoria: "Rabiot è straordinario, nemmeno lui conosce le potenziali che ha - dice ancora Allegri - Szczesny ha fatto una bella gara, perché è un portiere di valore anche se capitano giornate storte. Dybala ha giocato bene e bisogna continuare così". Quanto potrà incidere questo successo in vista dell'impegno con il Milan: "Sappiamo che giocheremo con il Milan che è in forma e che ha entusiasmo e buona tecnica ma stasera il fatto di non aver preso gol è importante. Ci sono cose positive". 

"L'aspetto mentale influisce al 90%"

Un successo che comunque aumenta consapevolezza e autostima: "L'aspetto mentale è il 90% di tutti i lavori, nel calcio ancora di più. Quando lasci dei punti in campionato, come abbiamo fatto noi, giocando a tratti male ma con errori di singoli in partite che avevamo in mano, come a Napoli e Udine, ti fa vedere le cose in maniera più negativa - conclude - Io ricordo l'anno della rincorsa verso lo scudetto a Sassuolo prendemmo gol sull'unico tiro in porta su punizione da Sansone e sbagliammo tipo otto gol, una roba pazzesca. Poi vincemmo partite che non meritavamo di vincere. Bisogna sempre distinguere il risultato dalla prestazione".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche