Coppa Italia: Atalanta ai quarti, battuto il Sassuolo 2-1. Incontrerà il Napoli

Coppa Italia

La squadra di Gasperini domina il primo tempo grazie alle reti di Cornelius e Toloi ma nella ripresa soffre il ritorno del Sassuolo che accorcia su autorete dello stesso Toloi. Politano sfiora il pari nel finale, passano i bergamaschi che affronteranno il Napoli ai quarti

RIVIVI LE EMOZIONI DI ATALANTA-SASSUOLO

COPPA ITALIA, RISULTATI E TABELLONE

ATALANTA SASSUOLO 2-1

16’ Cornelius (A), 33’ Toloi (A), 74’ aut. Toloi (S)

L’Atalanta torna ai quarti di finale di Coppa Italia a 13 anni dall’ultima volta. Vittoria meritata quella per la squadra di Gasperini contro il Sassuolo, uscito sconfitto dall’Atleti Azzurri d’Italia per 2-1. 70 minuti a favore dei nerazzurri, poi l’assalto finale - non portato a termine - dalla squadra di Iachini. Buone notizie per i bergamaschi, arrivate soprattutto da Cornelius e Orsolini, tra i migliori del match. I nerazzurri troveranno al prossimo turno il Napoli, vincente agli ottavi per 1-0 contro l’Udinese. 

Primo tempo tutto nerazzurro

Una prima frazione senza storia all’Atleti Azzurri d’Italia, con l’Atalanta padrona del campo in tutto e per tutto, nonostante il massiccio turnover applicato da Gian Piero Gasperini. Protagonisti, su tutti, Andreas Cornelius e Riccardo Orsolini, capaci in più momenti di mettere in seria difficoltà la difesa titolare (confermati sia Acerbi che Cannavaro) del Sassuolo. Nerazzurri che partono subito molto bene, tenendo gli ospiti rintanati nella loro area. È solo il 16’ quando il risultato si sblocca: bel lancio in profondità di De Roon, che pesca in posizione regolare Cornelius; il danese si libera del marcatore e conclude in rete di sinistro. Colpevole, nella circostanza, il secondo portiere neroverde Pegolo, sorpreso sul proprio palo. Gara subito in discesa per l’Atalanta, che non accenna a diminuire il pressing e prende minuto dopo minuto sempre più confidenza. Al 20’ ci prova dalla distanza Haas, ma il suo tiro a giro di sinistro termina alto; 8 minuti dopo replica l’azione Gosens, che, ben servito da Orsolini, prova la botta da fuori, bloccata però centralmente da Pegolo. Il 2-0 è nell’aria, e infatti al 33’ cambia di nuovo il risultato: dopo un palo colpito dallo stesso Orsolini, ci pensa Toloi, di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo, a siglare il raddoppio. Il match sembra già deciso, incapace il Sassuolo a reagire ai colpi dei bergamaschi: timido accenno di ripresa della squadra di Iachini solo a fine primo tempo, ma nessun pericolo dalle parti di Gollini. Anzi, sono i padroni di casa ad andare a un passo dal 3-0 allo scadere del primo tempo: al secondo di recupero Kurtic, dopo aver raccolto un retropassaggio fuori area, colpisce in pieno la traversa con un potente tiro di mancino.

Il Sassuolo ci prova ma non basta

I ritmi si fanno meno alti a inizio di secondo tempo, con l’Atalanta appagata della buona prima frazione e decisa ad amministrare il doppio vantaggio. Al 52’ anche l’occasione per andare sul 3-0, ma risponde presente Pegolo sulla conclusione di Orsolini dalla linea di fondo. Il Sassuolo, intanto, prova a scuotersi, per tornare in partita. Iachini decide di inserire alcuni titolari: dentro subito Magnanelli e Falcinelli. Proprio l’ex attaccante del Sassuolo scalda le mani di Gollini al 60’, ma il suo tiro è troppo centrale. I neroverdi prendono campo, anche se fanno fatica a essere pericolosi: partita spezzettata, tanti falli e giocate spesso sporche. Al 70’ entra anche Politano e la gara cambia in maniera netta: gli ospiti prendo infatti campo e trovano immediatamente il gol del 2-1. La penetrazione di Gazzola si conclude con un cross basso, deviato nella propria porta in spaccata da Toloi: autogol e match riaperto. Appena un minuto dopo, proprio Politano va a pochi millimetri dalla rete del pareggio: sugli sviluppi di un cross la palla passa, l’esterno scuola Roma ci prova con un tiro al volo a incrociare, ma il suo sinistro va fuori di un nulla. La squadra di Iachini preme per l’assalto finale. Al 89’ fallo di reazione di Kurtic: rosso diretto per lo sloveno e ultimi minuti in 10 uomini per la squadra di casa. Il Sassuolo ci prova, ma niente da fare: non bastano 5’ di recupero ai neroverdi per agguantare i supplementari. A passare il turno, seppur col brivido, è l’Atalanta, che torna ai quarti di Coppa Italia dopo 13 anni.

I più letti