Juventus-Atalanta 1-0, decide Pjanic: bianconeri in finale. GOL E HIGHLIGHTS

Coppa Italia

A Torino arriva ancora una vittoria per la Juventus: 1-0 come all’andata, decide un rigore di Pjanic. Sarà la quarta finale consecutiva per i bianconeri (Chiellini la salterà per squalifica). A metà ripresa palo clamoroso di Gomez, poco prima della traversa di Douglas Costa

CLICCA QUI PER RIVIVERE JUVENTUS-ATALANTA

SERIE A, JUVE-ATALANTA: SI RECUPERA IL 14/3

JUVENTUS-ATALANTA 1-0

75' rig. Pjanic

Tabellino:

Juventus (4-3-3): Buffon; Lichtsteiner, Benatia, Chiellini, Asamoah; Marchisio (69' Khedira), Pjanic, Matuidi; Douglas Costa (83' Dybala), Mandzukic, Alex Sandro (84' Barzagli).
All. Allegri
Atalanta (3-4-1-2): Berisha; Masiello, Caldara, Mancini (76' Rizzo); Hateboer, De Roon, Freuler (87' Barrow), Spinazzola; Cristante; Ilicic (63' Cornelius), Gomez.
All. Gasperini

La Juventus è in finale di Coppa Italia, per il quarto anno consecutivo, eguagliando Inter e Roma che di finali ne fecero altrettante, tra il 2004 e il 2008. Bianconeri che andranno alla ricerca di quel poker da primato mai riuscito a nessuno in Italia. È arrivata una vittoria anche nel ritorno contro l’Atalanta, partita decisa da un rigore di Pjanic al 75’. Match divertente e con tante occasioni, soprattutto nella ripresa. Poco dopo l’ora di gioco Gomez colpisce un palo clamoroso da quaranta metri: l’occasione per riaprire totalmente la semifinale. Due minuti dopo sbatte sulla traversa anche Douglas Costa. Dopo lo svantaggio la squadra di Gasperini accusa il colpo psicologico, e non riesce a rientrare in partita. 

Primo tempo

Nevica a Torino su Juventus-Atalanta, dopo la partita di campionato sospesa pochi giorni fa proprio per impraticabilità del campo. Tempo di prepararsi per la semifinale di ritorno e le squadre sono di nuovo in campo, per davvero. La partita risente fin da subito del risultato dell’andata: la Juventus è in vantaggio e la squadra di Gasperini spinge di più nei primi minuti per cercare di recuperare. Il primo tempo parte con un ritmo lento, finendo poi per accendersi nel finale. I primi a provarci sono proprio i bergamaschi, con Cristante che arriva al tiro dal limite dell’area dopo 7’: murato. Passano cinque minuti e ci prova anche Gomez. Sul cross di Ilicic l’argentino si inerisce in area anticipando Benatia, ma il tiro in precario equilibrio finisce debolmente tra i guantoni di Buffon. Al 14’ il primo evento chiave: Chiellini commette fallo e viene ammonito, salterà l’eventuale finale. Dal 25’ in poi meglio la Juve. Prima l’incursione sul fondo di Asamoah viene limitata in corner; dunque, a dieci minuti dalla fine del primo tempo, Mandzukic si costruisce la più grande palla gol della partita. Il croato salta in area Masiello e si ritrova solo davanti a Berisha, calciando però addosso al portiere dell’Atalanta. Nel finale ci riprova ancora Asamoah (tiro fuori) e anche Douglas Costa, il cui cross insidioso a centro area viene respinto da Berisha. A fine primo tempo Juve-Atalanta è 0-0.

Ripresa

Minuto 64 e minuto 67: è qui che Juventus-Atalanta si accende per davvero. Due occasioni clamorose: prima Gomez, dunque Douglas Costa. Palo da una parte, traversa dall’altra, e risultato che rimane invariato nonostante i pericoli. Anche la ripresa riparte esattamente come era iniziato il primo tempo: ritmi lenti e poche occasioni da gol. Gli unici due spunti sono entrambi di Marchisio (il primo ad essere sostituito da Allegri, Khedira per lui), che al 50’ e al 60’ prova a calciare appena dentro l’area, senza successo in entrambi i casi. Dunque i due pericoli. Al 64’ De Roon lancia in porta Gomez, Buffon esce di molto fuori dall’area e il Papu prova a batterlo da quaranta metri: palo clamoroso. Passano due minuti e ci prova anche Douglas Costa, con un’azione classica per l’ex Bayern, rientro sul mancino e tiro a giro sul secondo palo: traversa, altrettanto clamorosa. Il match si sblocca però al 75’, Mancini trattiene in area Matuidi e per l’arbitro è rigore. Dal dischetto Pjanic non sbaglia e i bianconeri passano in vantaggio anche nel ritorno. L’Atalanta subisce allora il colpo psicologico e non riesce a rientrare in partita, senza mai creare pericoli nell’ultimo quarto d’ora di gioco. Vince la Juve, che è in finale ancora una volta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche