Pirlo: "Il futuro? Contatti con Nazionale e club. Gattuso è una sorpresa"

Coppa Italia

L'ex centrocampista, ambasciatore della finale di Coppa Italia, ha accompagnato a Roma il trofeo che si contenderanno Milan e Juve il prossimo 9 maggio. Ha parlato di futuro e di Gattuso: "Rinnovo giusto"

GATTUSO: "NON SONO UN GURU. VOGLIAMO EMOZIONARE"

A un mese dalla finale di Coppa Italia, parte a bordo di un treno da Milano a Roma, accompagnato da Andrea Pirlo e dalla cantante Francesca Michielin, il trofeo che si contenderanno Milan e Juventus nella sfida del 9 maggio allo stadio Olimpico. "Vivrò il match in maniera equidistante, anche perché devo portare la coppa. Spero sia una bella partita e vinca il migliore", ha sorriso Pirlo, ambasciatore della finale, che ha conquistato il trofeo due volte, con i rossoneri e i bianconeri.

Su Gattuso: "Ha cambiato la squadra"

La finale dell'Olimpico offre a Gattuso la possibilità di vincere il primo titolo da allenatore del Milan: "Non mi aspettavo facesse così bene - ha dichiarato Pirlo - ha avuto un percorso positivo in B e C, e al Milan ha cambiato la squadra in poco tempo. Ora gioca un bel calcio e con il suo spirito ha riportato la passione fra i tifosi. Complimenti a lui e alla società, era una scelta rischiosa ma sono stati bravi a dargli fiducia, e Rino si è meritato il rinnovo".

Sulla lotta scudetto: "Finché la Juve è così forte..."

Poi, uno sguardo al campionato e alla lotta scudetto tra Juventus e Napoli: "Allegri? Ho giocato per lui al Milan e alla Juve, sta migliorando anno dopo anno, a livello italiano ed europeo: è molto bravo a gestire i campioni, nel futuro avrà ancora grandi successi. Lo scontro diretto per il Napoli sarà una sfida decisiva, per la Juve no. Come tutti i Juventus-Napoli sarà una partita bloccata, ma finché la Juve è così forte sarà difficile batterla. E' la più forte in Italia".

Sul futuro: "Per ora solo colloqui"

L'ex centrocampista ha parlato anche del futuro, visto che il 21 maggio, a San Siro, ci sarà la sua partita di addio al calcio: "Ho avuto colloqui con tante persone, sia in Nazionale sia di club, ci sarà tempo per pensare".

I più letti