Gattuso dopo Napoli-Empoli: "C'è stata un'involuzione. Osimhen sta meglio"

Coppa Italia

L’allenatore del Napoli ha parlato dopo la gara vinta contro l’Empoli in Coppa Italia: "Partita sofferta, ma abbiamo cambiato tanti giocatori. Era importante dare minutaggio. Concediamo troppo e sbagliamo tanto, c’è stata un’involuzione". E su Osimhen: "Si sta allenando a casa e mi ha detto che si sente molto meglio. Speriamo di averlo presto"

NAPOLI-EMPOLI 3-2

Dopo la vittoria di Udine al 90’ in campionato, il Napoli si impone anche in Coppa Italia. La squadra di Gattuso vince 3-2 con l’Empoli e vola ai quarti di finale. L'allenatore ha commentato così la prova dei suoi a Rai Sport: "Una gara sofferta contro una squadra piena di giovani di valore. Oggi l’importante era dare minutaggio a chi finora ha giocato meno, ci teniamo questa vittoria che ci serve per domenica. Serve più equilibrio però, oggi abbiamo subìto troppe ripartenze. E possiamo migliorare in generale, abbiamo lasciato qualche punto di troppo per strada". E su Osimhen, risultato positivo anche all’ultimo tampone e ancora alle prese con il problema alla spalla: "Sta tornando a correre a velocità importanti allenandosi a casa. Sente meno fastidio, speriamo si negativizzi presto e poi lo valuteremo. Ma mi ha detto di sentirsi molto meglio".

"Difficile convivere con questa situazione"

leggi anche

Empoli, 3 giocatori e mister Dionisi in isolamento

"Poca continuità? Con il Covid i risultati sono strani e ci sta, già il fatto che stiamo giocando e stiamo portando avanti il movimento calcistico è tanto. Il calcio è cambiato tantissimo in questo periodo" ha proseguito Gattuso soffermandosi poi sulla questione Empoli, che prima della gara si è visto mettere 5 tesserati (3 giocatori, allenatore e un membro dello staff) in isolamento: "Guardiamo la Premier League, dove hanno grandi stadi e una grande organizzazione: anche lì stanno vivendo una situazione particolare. La nostra federazione e i nostri dottori stanno facendo un grande lavoro. Vivere tra allenamenti, tamponi, test sierologici e aspettare ogni volta il risultato è dura. Siamo dei privilegiati, certo, a fine mese ci pagano tanto. Ma lavorare con questo problema non è assolutamente facile".

"La squadra ha avuto un’involuzione"

leggi anche

Il Napoli soffre ma passa ai quarti: Empoli ko 3-2

"Penso che da dopo la gara con l’Inter ci sia stata un’involuzione della squadra: prima soffrivamo poco, mentre ultimamente concediamo troppe occasioni. Non è un momento brillante a livello tattico, diamo tante chances e troppo campo agli avversari. Bisogna ragionare bene però, noi creiamo tanto perciò è normale che qualcosa dobbiamo concedere. Il problema è che sbagliamo tante occasioni. Si può e dobbiamo migliorare. Oggi non fa testo comunque, c’erano giocatori come Elmas, Lobotka e Rrahmani che non giocavano da tanto ed era difficile". Infine, sul problema all’occhio: "Sto meglio grazie al cortisone, ma ne ho sentite tante in questi mesi. È un problema che ho da 10 anni e stavolta ho avuto una ricaduta, ma sto bene e posso allenare tranquillamente. Nella vita c’è di molto peggio".