Coppa Italia, c'è il nuovo format per il triennio 2021-24: dentro anche 4 club di C

Coppa Italia
©LaPresse

Varato il nuovo format della competizione, valido dalla prossima edizione: 40 le squadre nel tabellone principale, con 36 inserite direttamente e le altre 4 selezionate attraverso un turno preliminare che coinvolgerà 8 formazioni, con scontri diretti. In lista anche 4 club di C, correzione in corsa dopo le polemiche delle scorse settimane con la Lega Pro. Nei prossimi giorni sarà pubblicato il regolamento definitivo

L'ULTIMA FINALE CON LA VECCHIA FORMULA: ATALANTA-JUVE 1-2

Varato il nuovo format per la Coppa Italia 2021/24. Il Consiglio di Lega Serie A ha infatti approvato all'unanimità la nuova formula della competizione. Il torneo sarà articolato seguendo un tabellone di tipo tennistico composto da 40 squadre: 36 di queste saranno inserite direttamente mentre le altre 4 arriveranno da un turno preliminare che coinvolgerà 8 formazioni, con scontri diretti. Alla rinnovata Coppa Italia prenderanno parte, insieme a tutte le formazioni di Serie A (20 club) e Serie B (20 club), anche 4 club di Lega Pro. Una modifica rispetto all'iniziale decisione di escludere del tutto le squadre della terza serie del calcio italiano, circostanza che a inizio maggio aveva provocato la reazione veemente degli esclusi. La manifestazione si giocherà su sei turni, tutti in programma in gara unica ad eccezione delle semifinali. Il regolamento completo della nuova Coppa Italia sarà però pubblicato nei prossimi giorni.

Le reazioni al nuovo format

leggi anche

Scamacca da record, bomber in Coppa 2 anni di fila

Di "accordo positivo che riapre, da subito, alla Serie C e mantiene aperta la porta per il futuro ad un progetto di riforma" assicura il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli. Soddisfazione anche nelle parole del presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino: "La nuova formula ci soddisfa pienamente, abbiamo ridotto la concentrazione di partite per i calciatori, aumentato la competitività fin dai primi turni e garantito la partecipazione delle tre leghe professionistiche includendo le migliori formazioni di Lega Pro". Una linea condivisa anche dal numero 1 della Lega B, Mauro Balata: "La decisione della Lega Serie A va nella direzione di una partecipazione di tutte le leghe professionistiche a una competizione che rappresenta la storia del calcio del nostro Paese".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche