Olanda, riaprono gli stadi a settembre: ma i tifosi non potranno cantare

CORONAVIRUS

Lo ha annunciato il Primo Ministro olandese Mark Rutte: "La capienza sarà ridotta a un terzo e non si potrà cantare perché in contesti del genere la trasmissione del virus è veloce". Ma i tifosi potranno portare con sè 'cornette' per fare rumore

CORONAVIRUS, TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

"Benvenuti allo stadio, ma senza cantare". L'Olanda è stato il primo campionato d'Europa a decidere di fermarsi definitivamente, ed è il primo a stabilire la riapertura degli stadi ai tifosi. Anche se con regole particolari. A spiegarle è stato addirittura il premier,  Mark Rutte, nel corso di una conferenza stampa. Dal settembre, con la

ripresa del prossimo campionato, gli stadi saranno aperti al pubblico ma con una capienza ridotta a un terzo per assicurare il distanziamento sociale, e con un divieto particolare: quello di canti a sostegno della squadra. "Se negli stadi si canta,

allora è semplice: poi si richiudono", ha spiegato Rutte. "Se urli o canti rumorosamente, le possibilità di diffusione del virus sono molto alte", secondo Rutte. Diverso se si porta una cornetta per fare rumore. "So che sembra terribile, ma tutte le ricerche dimostrano che in situazioni come questa il virus si trasmette rapidamente". La Eredivisie dovrebbe ricominciare il prossimo 12 settembre.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche