Ajax, debutto e gol in 8 minuti: chi è Brian Brobbey, "il mini Lukaku"

Eredivisie
©Getty

Attaccante olandese di 18 anni, ha esordito in Eredivisie al 66' di Ajax-Fortuna Sittard  segnando il gol del 3-1 al 74', in una partita finita 5-2. Tre fratelli calciatori, nato ad Amsterdam da una famiglia di origini ghanesi, ora sogna il debutto in Champions League. In Olanda lo paragonano a Lukaku e il suo contratto va in scadenza a giugno 2021

AJAX-FORTUNA SITTARD 5-2: IL RACCONTO

L'Ajax continua a lucidare la sua vetrina di giovani talenti. Un club in cui è entrato dalla serata di sabato 31 ottobre anche Brian Brobbey: il centravanti nato l'1 febbraio 2002 è stato lanciato in campo da Erik Ten Hag al posto di Lassina Traorè al 66' della partita di campionato contro il Fortuna Sittard, sul punteggio di 2-1 per i Lancieri, e in otto minuti è diventato il più giovane giocatore a segnare al debutto in Eredivisie negli ultimi sette anni. Gol del tris a 18 anni e 173 giorni, avvicinando il primato che dal 22 dicembre 2013 appartiene a Jairo Riedewald, difensore oggi al Crystal Palace, in gol a 17 anni e 104 giorni nella vittoria dell'Ajax sul Roda Kerkrade.

Brobbey the beast: una famiglia di calciatori alle spalle

vedi anche

Antony show: tunnel di suola ad Hateboer. VIDEO

In patria lo chiamano Brobbey the beast, cioè Brobbey la bestia. Evidente riferimento alla fisicità di un ragazzone alto un metro e 83, con fiuto del gol e gambe potenti. "Sembrano tronchi" assicura la stampa olandese, che Brian ha incantato sin dalle nazionali giovanili: 4 gol nell'Under 15, 5 nell'Under 16, ben 16 reti nell'Under 17 dove ha vinto due Europei di categoria e già un centro in due gare con l'Under 19. Centravanti puro, che ha la porta come chiodo fisso ma sa anche aprire spazi per gli altri. Il calcio è nel destino di Brian, nato ad Amsterdam da una famiglia di origini ghanesi: dal 2010, quando aveva solo otto anni, nelle giovanili dell'Ajax dopo gli esordi nell'AFC Amsterdam, nella scorsa stagione ha messo insieme tra Under 19 e Under 21 ben 19 presenze con 9 gol e 1 assist. "Concentrato solo sul campo" si definiva Brian in un'intervista prima del lockdown. A sostenerlo c'è una famiglia intera: i suoi tre fratelli maggiori giocano tutti a calcio, chi con più e chi con meno successo.  Samuel, più grande di quattro anni è un difensore svincolato dopo l'esperienza all’Almere City, Derrick Luckassen, classe 1995, gioca in Belgio con l'Anderlecht e Kevin Luckassen, il maggiore con i suoi 27 anni, è in Romania con il Viitorul Constanța. Condividono con Brian l'amore per il calcio e i social: tra le foto postate dal giovane attaccante dell'Ajax su Instagram c'è spazio (quasi) solo per i suoi fratelli e il pallone.

Mini-Lukaku, ha fatto male all'Italia Under 17

Sul percorso di Brobbey c'è anche l'Italia, e non solo perché è stato decisivo nella finale dell’ultimo europeo Under 17 pareggiando a 6 minuti dal termine contro gli Azzurri portando la gara ai rigori con la vittoria finale degli Orange. A seguirlo da vicino è infatti Mino Raiola, che di campioni se ne intende e ha notato in Brian il mix di qualità che gli ha permesso di essere paragonato ad attaccanti del valore di Romelu Lukaku e Klaas-Jan Huntelaar. Quel bimbo delle elementari inserito nel 2010 nel Jong Ajax ha fatto strada, fino all'esordio con gol contro il Fortuna Sittard. Della serata dell'Amsterdam Arena, più del 5-2 finale, ha rubato l'occhio questo talento dalla struttura fisica non indifferente. Che ha festeggiato con semplicità su Instagram: "Felice per il debutto e il mio primo gol con l'Ajax".

Contratto in scadenza a giugno 2021

Ora "Brobbeast" punta anche all'esordio in Champions League, dove l'Ajax è nel girone D con Atalanta, Liverpool e Midtjylland. Proprio nel 2-2 di Bergamo Ten Hag lo ha convocato e portato in panchina. Ragazzo dal carattere forte e ambizioso, gli addetti ai lavori riconoscono a Brian una forte personalità che si nota anche in campo. La stessa che gli tornerà utile fuori, con un contratto che va in scadenza a giugno del 2021 e gli occhi di tanti top team europei, come Arsenal, Manchester City e Manchester United, che lo seguono con attenzione. L'Ajax intanto si gode il suo mini-Lukaku. E lo celebra sui social con due numeri: 66, quello del debutto, e 74, quello del primo gol in Eredevisie. Gli otto minuti che hanno presentato Brian Brobbey al calcio dei grandi.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche