Eredivisie, Robben torna a casa in bicicletta dopo la partita

Eredivisie

Vanni Spinella

robben_bicicletta

Due assist nel 4-0 all'Emmen, poi il rientro a casa in bicicletta: un gesto "normale" per un campione straordinario, che a 38 anni è ripartito dalla squadra del cuore continuando a incantare

A vederlo così potreste scambiarlo per uno di quei giocatori di calcetto del sabato pomeriggio. Partita con gli amici e poi via di corsa verso casa, ancora in pantaloncini e maglietta, con l’accortezza di una felpa per evitare il colpo di freddo, che poi chi la sente la moglie. E invece quel tizio che fa ritorno dal campo in bicicletta e con lo zaino in spalla, immortalato in una foto da un tifoso, è il signor Arjen Robben, Chelsea-Real-Bayern nel curriculum e una trentina di trofei nella bacheca di casa, tra i quali una Champions decisa proprio dal suo piedino e qualcosa come 12 campionati vinti in carriera: quello tedesco 8 volte, di cui 7 filate dal 2013 in poi; ma anche Liga, due Premier e Eredivisie col Psv a inizio carriera.

Straordinariamente normale

Il fatto che un’immagine del genere abbia il potere di stupirci la dice lunga sul “mito” del calciatore di oggi, inavvicinabile, lontano dalla gente. E Robben in bicicletta ci restituisce un po’ di quell’atmosfera giocosa e gioiosa – nemmeno troppo distante nel tempo – in cui poteva capitare che Ruud Gullit “suonasse” la testa di Attilio Lombardo a mo’ di tamburo per la sigla di un programma tv. Impensabile, oggi.
 

Robben pedala, e con quel gesto straordinariamente normale (anche i calciatori vanno in bici!) chiude un cerchio: la partita è finita da poco, viene da un 4-0 all’Emmen conquistato con il suo Groningen, il club in cui aveva iniziato a giocare e quello in cui è tornato a fine carriera, o meglio, dopo la fine della carriera, perché quando decide di tirar giù gli scarpini dal chiodo aveva già dato l’addio al calcio da quasi un anno.

A 36 anni è ripartito, per modo di dire, perché se già era fragilino da “giovane”, figuriamoci dopo un simile stop: alla prima gara della sua seconda carriera si fa male dopo mezz’ora e il rientro è un calvario lungo sei mesi. Conclusosi quando, domenica scorsa, a 38 anni, è tornato a vestire una maglia da titolare che non vedeva da circa 3 anni, festeggiando con due assist, la cosa che in carriera gli è riuscita più naturale assieme al tiro “alla Robben”. Commosso, ha dichiarato che se l’Olanda lo convocasse per l’Europeo ci farebbe un pensierino. Poi ha inforcato la bici ed è tornato a casa. Ben coperto, ché a un certa età non si scherza con i colpi di freddo.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche