Roma-Lione, rimonta possibile. Lo dice la storia

Europa League

Contro la squadra francese i giallorossi sono chiamati a rimontare il 4-2 subito all'andata. Un'impresa complicata, ma non impossibile, come insegnano alcuni precedenti della storia europea della squadra della capitale

Che sia una rimonta possibile lo dice la storia. 9 novembre 1988, sedicesimi di finale di Coppa Uefa. La Roma di Liedholm è chiamata a ribaltare il 4-2 dell'andata contro il Partizan Belgrado, dove si era giocato in un clima infernale. All'Olimpico ci pensa Voeller a riaccendere la speranza, prima dell'espulsione di Mandredonia che complica ulteriormente la situazione. A completare la rimonta poi Beppe Giannini, simbolo di quella squadra e di quella sfida visto che in Serbia era stato colpito e ferito da un accendino. La Roma perse il ricorso ma vinse sul campo. Come contro il Boendby quandò nel 1995, Totti, Balbo e Carboni al 90esimo riuscirono a rovesciare il 2-1 in Danimarca, portando la squadra di Mazzone ai quarti. Ecco perché Spalletti non dovrà per forza evocare i 6 gol del Barcellona al PSG per caricare lo spogliatoio. Basta guardare al proprio passato. All'incredibile semi-finale di Coppa Campioni 83-84 contro il Dundee United. 2-0 in Scozia e 3-0 al ritorno, prima della finale persa contro il Liverpool. Oppure alla Coppa Uefa 95-96 quando, contro lo Slavia, un gol di Vavra a pochi respiri dal 120esimo, infranse il sogno di una semifinale Uefa soltanto accarezzata ma di certo meritata. Un 3-1 insufficiente, è vero, per ribaltare il 2-0 subito all'andata nel gelo della Repubblica Ceca, ma che giovedì basterebbe per eliminare il Lione. E scrivere un altro pezzo di storia. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche