Icardi cita Twain: "A volte meglio non parlare". Poi si complimenta con Lautaro Martinez

Europa League

L'attaccante argentino affida a Instagram il suo pensiero al termine di Rapid Vienna-Inter 0-1: Meglio tenere la bocca chiusa e sembrare stupidi piuttosto che aprirla e togliere ogni dubbio". Il compagno di reparto risponde ai complimenti: "Grazie Loco"

TUTTO SULL'INCONTRO FRA MAURO, WANDA E MAROTTA

CASO ICARDI: TUTTE LE TAPPE DELLA VICENDA

Nella serata di Vienna, che ha visto l'Inter vincere per 1-0 sul campo del Rapid e mettere in discesa il discorso qualificazione agli ottavi di Europa League, c'è stato uno spettatore speciale: Mauro Icardi. Dopo il ritiro della fascia di capitano da parte della società e la decisione di non partire per Vienna, l'attaccante argentino ha assistito dalla propria poltrona alla vittoria dei nerazzurri, il tutto al termine di una giornata decisamente diversa dal normale. Invece di essere al fianco dei suoi compagni prima in albergo e poi sul terreno (o sulla panchina, fate voi) dello stadio del Rapid, infatti, l'attaccante argentino ha passato san Valentino tra Appiano Gentile, dove si è presentato poco dopo le 9 di mattina per sottoporsi a un ciclo di fisioterapia, e l'abbraccio della sua Wanda, dalla quale si è rifuguato subito dopo aver lasciato il centro sportivo nerazzurro. Il tutto mentre il mondo del calcio non faceva altro, o quasi, che parlare di lui: Ausilio, prima del match di Europa League, e Spalletti, al termine della sfida vinta 1-0, su tutti. E allora, dopo un lungo silenzio, ecco che anche l'attaccante argentino ha voluto rispondere, ovviamente tramite i suoi amati social, utilizzando una frase che lascia aperte diverse interpretazioni.

Inter, Icardi cita Mark Twain: "Meglio tenere la bocca chiusa e sembrare stupidi piuttosto che aprirla e togliere ogni dubbio"

Icardi ha scelto di citare lo scrittore e umorista statunitense Mark Twain, postando una frase a corredo di una foto nella quale appare impettito e fiero: "È meglio tenere la bocca chiusa e sembrare stupidi piuttosto che aprirla e togliere ogni dubbio". Parole chiare e forti, ma destinate a chi? Alla società che l'ha desautorato? A qualcuno dei suoi compagni che hanno apprezzato la scelta? Ai tifosi che sembrano essersi subito schierati contro di lui? La certezza, a meno che non la riveli lui stessa, non si potrà mai avere ma una cosa è certa: il messaggio è stato lanciato. Subito dopo, sempre attraverso una storia sul proprio profilo Instagram, il numero 9 ha voluto mandare i suoi complimenti al compagno di squadra e connazionale Lautaro Martinez, autore del gol decisivo a Vienna. "Complimenti amico" il post di Maurito, al quale Lautaro ha risposto con un "Grazie Loco". Lo stesso Lautaro aveva parlato del collega di reparto al fischio finale di Rapid Vienna-Inter 0-1: "Mauro è molto importante per noi, ovviamente è un problema che deve risolvere lui con la dirigenza - aveva spiegato a Sky Sport - sicuramente questa sera ci ha supportato a distanza".

I più letti