"Lukaku è ovunque": Inter, l'attaccante belga fa video-bombing e mostra i muscoli

Europa League

Siparietto televisivo per il centravanti belga dell'Inter, che sceglie di fare videobombing (ossia apparire a sorpresa dietro le telecamere in diretta), mostrando da lontano i muscoli. La scena, vista da diversi telespettatori, è poi stata riportata dalla pagina ufficiale del club nerazzurro su Twitter: "Romelu è ovunque"

EUROPA LEAGUE, IL TABELLONE DELLE QUALIFICATE ALLE SEMIFINALI

In questi giorni Romelu Lukaku è ovunque. E non solo perché il centravanti dell'Inter è assoluto protagonista nel cammino nerazzurro in Europa League, con l'approdo in semifinale grazie al 2-1 contro il Bayer Leverkusen. L'attaccante belga è stato anche protagonista di un insolito siparietto durante una diretta di Inter Tv, comparendo alle spalle dell'inviato Roberto Scarpini nel corso di un collegamento. Una specie di video-bombing (apparire a sorpresa dietro le telecamere in diretta), con Lukaku che si ferma alle spalle del giornalista e mette in bella mostra i bicipiti del braccio destro. Testimonianza del bel clima che si respira in Germania, dove l'Inter è al lavoro, e del ruolo di Lukaku nello spogliatoio nerazzurro. Tanto che il club nerazzurro ha ripreso la scena su Twitter. "Romelu Lukaku è ovunque - si legge nel post  - e quando diciamo ovunque, intendiamo davvero ovunque. Anche negli stand up di Inter Tv".

I numeri di Lukaku: è a -3 da Ronaldo il Fenomeno

leggi anche

Coppie-gol d'Europa: Lukaku-Lautaro a quota 54

Entusiasmo e sorrisi, giustificati dai numeri totalizzati in stagione da Lukaku, vero mattatore dell'Inter in Europa League con nove gol consecutivi segnati in questa manifestazione: 49 partite giocate, 31 reti e 5 assist per il 27enne belga in stagione tra campionato e coppe. "Non è questione di record, quello che importa è la vittoria" aveva spiegato Lukaku a Sky Sport dopo il passaggio del turno contro il Bayer. Lukaku è secondo per rendimento (ha staccato Milito, fermo a 30 nell'annata 2009/10) nell'elenco degli attaccanti alla prima stagione in nerazzurro e ora ha ancora potenzialmente due partite a disposizione per conquistare l'Europa League con l'Inter ed eguagliare i 34 centri di Ronaldo il Fenomeno siglati nel 1997/98, primo anno in Italia del brasiliano concluso con la vittoria della Coppa Uefa (3-0 alla Lazio). Il primo obiettivo è la semifinale di Europa League contro lo Shakhtar Donetsk, una squadra per nulla facile da affrontare. Gli ucraini hanno travolto il Basilea per 4-1 e sfideranno i nerazzurri lunedì 17 agosto alle 21 a Dusseldorf (diretta Sky). Nel mirino c'è Colonia, sede della finale in calendario il 21 agosto.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche