Schär sviene e torna a giocare in Georgia-Svizzera. Poi ammette: "Non ricordo nulla"

Europei

Svenuto in campo dopo uno scontro con Tabidze in Georgia-Svizzera, il difensore Fabian Schär, che, fasciato alla testa, è riuscito a terminare la partita, ha svelato di non avere alcun ricordo del match: "Sembra terribile, ma io non mi ricordo niente"

EURO QUALIFIERS 2020: TUTTI I RISULTATI

NAZIONALE, LE ULTIME NOTIZIE

È stato uno dei momenti più intensi della prima giornata di qualificazioni a Euro2020. Georgia-Svizzera, sabato 23 marzo: in un contrasto con Jemal Tabidze, il difensore Fabian Schär crolla a terra perdendo i sensi. A soccorrerlo un giocatore georgiano, Jano Ananidze, che, accortosi della gravità di quanto successo, immediatamente gli mette le dita in bocca per impedirgli di inghiottire la lingua. Lo spavento, per fortuna, passa in fretta: dopo i momenti di apprensione, il tutto si risolve con un forte mal di testa (e una vistosa fasciatura) per Schär, che, nonostante il bruttissimo colpo ricevuto alla testa, sottoposto alle cure del caso riprende il suo posto in campo. A fare rumore sono però le dichiarazioni che lo stesso Schär, centrale del Newcastle, che, all’indomani della vittoria per 2-0 dei suoi, ha ammesso al quotidiano Blick di non ricordare assolutamente nulla del match: “Sembra terribile, ma io non mi ricordo niente. Sono stato fuori per qualche secondo. Mi fa ancora male il collo ed ho un livido sulla fronte, ma ne è valsa la pena”. Un episodio molto simile a quello celebre che ha coinvolto Christoph Kramer, giocatore tedesco che, a causa di un colpo in testa, non ha ricordi della finale dei Mondiali del 2014, vinta dalla Germania contro l’Argentina.  

I più letti