Bernardeschi: "Ho sofferto tanto quest'anno, non è stata una stagione semplice per me"

italia

Nel post partita di Italia-Inghilterra c'è stato spazio anche per le lacrime di gioia di Federico Bernardeschi. Il giocatore della Juventus si è sfogato in un'intervista durante i festeggiamenti per la vittoria dell'Europeo: "Ho sofferto tanto quest'anno. Questa è stata una stagione complicata per me. Ora però il cuore è ripagato"

ITALIA CAMPIONE, LO SPECIALE

Quando Gigio Donnarumma ha parato l'ultimo rigore della serata e l'Italia è diventata Campione d'Europa, giocatori e staff hanno sprigionato tutta la loro gioia e felicità per il grande traguardo ottenuto. È stata l'occasione per liberare ansie e tensioni di un mese entusiasmante e ricco di emozioni. Nel caso di Bernardeschi, però, lo sfogo è dovuto anche a una stagione difficile. Il suo urlo di liberazione è per il lieto finale di un'annata complicata, come ha riferito lui stesso nel post gara: "Io ho sofferto tanto quest’anno. Non è stata una stagione semplice per me. Quando fai una stagione come questa a volte le cose si complicano. Per me però esiste un solo metodo: lavorare e rimboccarsi le maniche anche quando le cose non vanno. Ringrazio i miei compagni, lo staff e tutti coloro che hanno creduto in me. Siamo sul tetto d’Europa: non potevo essere ripagato in maniera migliore. Paura di non farcela? Non l’abbiamo mai avuta. Ci abbiamo sempre creduto anche oggi. Anche dal secondo minuto. Il cuore viene sempre ripagato. Ci meritiamo tutto questo".

La stagione di Bernardeschi

leggi anche

Mancini: "Con Vialli oggi si è chiuso un cerchio"

Federico Bernardeschi quest'anno ha preso parte a 39 incontri ufficiali tra Serie A, Coppa Italia, Champions League e Supercoppa italiana con la maglia della Juventus, non riuscendo mai a segnare un gol. Spesso subentrante, l'ex giocatore della Fiorentina si è reso decisivo con due assist in Serie A e uno in Champions League nell'ottavo di finale di ritorno contro il Porto. Convocato da Roberto Mancini per l'Europeo, Bernardeschi ha giocato quattro partite. Nelle ultime due, contro Spagna e Inghilterra, ha segnato i due calci di rigore che era stato chiamato a battere nella lotteria che ha visto l'Italia uscire vincitrice in entrambe le occasioni. E alzare la coppa. Anche grazie al suo contributo. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche